NOTIZIE BASSANO TG



 

22.05.2015
TEMPIO OSSARIO “INVASO” DA MILLE PAPAVERI ROSSI
Le celebrazioni per i cento anni dall’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale inizieranno ufficialmente domenica e vivranno a Bassano il momento culminante con la riapertura del Tempio Ossario, il sacrario chiuso da anni nel quale riposano migliaia di caduti della Grande Guerra e per la cui riapertura Rete veneta ha condotto una lunga battaglia. Ma in città, e proprio al Tempio Ossario si è vissuto un prologo di quanto domenica mattina Rete Veneta vi proporrà in una lunga diretta, con una cerimonia che ha coinvolto circa 1.200 giovani studenti bassanesi. I ragazzi, accompagnati dai fanti e dagli alpini hanno deposto lungo le navate e nella cripta del Tempio Ossario dei papaveri rossi preparati da loro stessi in segno di pace e in ricordo dei tanti giovani morti nella Grande Guerra. Gli studenti hanno letto delle riflessioni sulla pace e sugli orrori della guerra, hanno cantato la Guerra di Piero di Fabrizio De Andrè che contiene il verso dei “mille papaveri rossi”. Il papavero è un fiore ricordo dei caduti in guerra secondo una tradizione nata nei paesi anglosassoni a seguito delle violenti battaglie combattute nelle Fiandre, dove questo fiore è molto diffuso, proprio nel corso della grande guerra. I papaveri, con i quali il Tempio Ossario è stato decorato in vista della cerimonia di domenica mattina, resteranno poi per tutto il tempo in cui il Tempio Ossario rimarrà aperto e visitabile prima dei lavori di restauro.

22.05.2015
LA GRANDE GUERRA CHE NON E’ ANCORA STATA RACCONTATA
Il centenario della Prima Guerra Mondiale rappresenta anche un’occasione per approfondire un capitolo fondamentale della nostra storia. A Bassano, che rappresentò un centro nevralgico di quegli eventi l’argomento è sentito in modo particolare. E benché sia passato un secolo e alla Grande Guerra sia stato dedicato un numero sterminato di pubblicazioni, su quel conflitto tanto rimane ancora da raccontare. Lo sa bene Sergio Tazzer, che alla prima guerra mondiale ha scritto molto, e racconta anche nell’ultima pubblicazione “Sulle Alpi in Guerra” aspetti inediti di quegli anni drammatici Ma se la Grande Guerra in montagna provocò più vittime per eventi atmosferici che per combattimenti, al di là delle trincee, nelle città austriache non si viveva meglio

22.05.2015
A.A.A. PARENTI DECORATI BASSANESI CERCANSI
L’unione nazionale degli ufficiali in congedo d’Italia è alla ricerca dei discendenti dei decorati bassanesi della grande guerra, che saranno ricordati lunedì prossimo, alle 17, nella cappella Mares di villa Ca’ Erizzo, a Bassano. Un appello diretto dunque a chi ha avuto in famiglia quello che si può chiamare un eroe della patria, proprio nel centenario del primo conflitto mondiale E proprio la ristampa aggiornata del nastro azzurro sarà consegnata ai parenti dei decorati bassanesi. Per informazioni si può telefonare allo 0424 525588. (VB)

22.05.2015
A BASSANO PASSA LA STAFFETTA “L’ESERCITO MARCIAVA”
E sempre in ambito di celebrazioni del centenario della grande guerra, sul ponte vecchio di Bassano, stamattina, alle 4, è passata la staffetta "L'esercito marciava". Un evento che si sta snodando lungo tutta la penisola, partito da cinque località diverse. Una corsa ininterrotta, fino a giungere, la sera di domenica, 24 maggio, a Trieste. Cinque i differenti itinerari scelti per un totale di 4.200 chilometri. 42 le città attraversate, tra cui anche Bassano del Grappa. E all’alba anche il sindaco Riccardo Poletto, assieme al Colonnello Diego Zamboni, comandante del 7° reggimento Alpini di Belluno.

22.05.2015
ROSA’: NUOVO POLO SCOLASTICO, INIZIANO I LAVORI
Nuovo polo scolastico san Pietro e Cusinati di Rosà. Il comune si trova davanti ad uno step importante, con l’assegnazione dell’appalto di costruzione. Il lotto è pronto da tempo e stanno proseguendo i lavori di abbattimento dei capannoni degli allevamenti intensivi. Un lavoro di bonifica ambientale, a cominciare dalla rimozione di lastre di amianto.. (VB)

22.05.2015
ETRA PREMIA ….”UN MONDO DI RISORSE”
I giovani protagonisti della tutela dell’ambiente. Si comincia a scuola. E si esprime il proprio concetto di rispetto del territorio. L’occasione il concorso “Un mondo di risorse”, promosso da Etra, che ha coinvolto 6 istituti superiori di Cittadella, Camposampiero e Bassano. Gli studenti si sono sbizzarriti nella realizzazione di cortometraggi, piece teatrali, pittura su veicoli, per illustrare la loro idea di riciclo, valorizzazione di risorse idriche ed energetiche, e dell’ecosistema. A vincere il primo premio i ragazzi del Pertini di Camposampiero, con un originale video dall’eloquente titolo ”Sacchetto parlante,” viaggio di un sacchetto di patatine gettato in un corso d’acqua. Secondo posto per l’istituto Fanoli di Cittadella, con la decorazione di un veicolo dal titolo “I colori del riciclo”, seguiti dal parolini di Bassano con lo spettacolo teatrale “diario di un respiro” Da Etra dunque la convinzione che si debba puntare sulle giovani generazioni per diffondere il concetto di rispetto dell’ambiente (VB)

21.05.2015
RENZI A VICENZA: CON ALESSANDRA MORETTI PER VINCERE
In Veneto si corre per vincere. Matteo Renzi al Teatro Comunale di Vicenza lancia il rush finale della campagna elettorale di Alessandra Moretti, l’unica - afferma - ad aver avuto la correttezza di rinunciare alla poltrona da europarlamentare ed aver dimostrato il coraggio di raccogliere una sfida complessa come quelle delle regionali. Con noi al Governo a Roma come a Venezia, scandisce Renzi, finisce l’epoca delle promesse e comincia la stagione del fare. E’ un binomio quello tra l’attività del suo Governo e la presidenza della Regione sulla quale Renzi insiste molto, perché il Veneto è la Regione che ha risposto meglio alla riforma del lavoro, perché dati alla mano la produzione industriale specie delle piccole e medie imprese ha ripreso a salire così come le esportazioni. E’ finita però l’epoca in cui l’economia andava avanti da sola senza bisogno della politica, perché il Veneto riparte, dice Alessandra Moretti, c’è bisogno di una nuova classe dirigente regionale che si dimostri al’altezza della situazione. Raccogliendo e vincendo le nuove sfide dei prossimi anni.

21.05.2015
IL “GIALLO” DEI SOLDATI IGNOTI: LA VERITA’ DI ONOR CADUTI
Dopo le indiscrezioni delle ultime ore, adesso è arrivata anche l’ufficialità: domenica non arriveranno a Bassano i resti dei tre soldati ignoti ritrovatio sul massiccio del Grappa. All’origine del mancato arrivo dei 3 soldati ignoti, spiegano i vertici di onor caduti, nessuna ragione di ordine burocratico ma la volontà di rispettare protocolli e rispettare i caduti. La resa degli onori ai tre soldati ignoti, dunque, non avverrà domenica in piazza ma in occasione della loro inumazione all’Ossario di Cima grappa

21.05.2015
SICUREZZA: VIGILI IN AZIONE FINO ALLE 3 DI NOTTE
Vigili in azione nel fine settimana, fino alle 3 di notte, per garantire la sicurezza urbana e stradale di Bassano. E’ questo il nuovo piano pensato dall’amministrazione per l’estate ormai alle porte. Nuovi turni, dalle 21 alle 3, coperti dagli agenti per il 40% su base volontaria. In questo modo, dunque, la presenza della polizia locale aumenterà di 2 ore, senza costi aggiuntivi per il comune

21.05.2015
TASI, VERNILLO: “6000 BOLLETTINI IN ARRIVO AI BASSANESI”
L’assessore Vernillo difende l’operato degli uffici comunali e replica alle accuse: non è vero - sostiene - che a casa dei bassanesi non riceverarriveranno i bollettini per il pagamento della Tasi. I bollettino arriveranno alle 6mila famiglie che lo scorso anno si sono rivolte allo sportello comunale dedicato. Per chi non riuscisse ad affidarsi allo sportello comunale - ricorda Vernillo - esiste comunque la possibilità del calcolo on line. E intanto il comune assicura l’intenzione di migliorare ulteriormente il servizio.

21.05.2015
MULTA DA 200MILA EURO PER MASSAGGIATRICE IN NERO
Un massaggio ben fatto può non avere prezzo per coloro che ne beneficiano magari a scopo terapeutico, il prezzo però ce l’ha per la Guardia di Finanza ed è anche salato se dal 2008 si esercita la professione in nero. Siamo a vigonza dove nei controlli delle Fiamme Gialle hanno accertato una professione svolta in nero, nella propria casa o a domicilo, da almeno sette anni, senza pagare un euro di tasse. Siccome a quanto pare gli affari le vanno bene, e a seconda del tempo desisderato le tariffe possono variare da 100 a 400 euro, le tre cartelle esattoriali inviate dalla guardia di finanza presentano un conto che supera i 200mila euro. Nessuna possibilità di conciliazionie e appena due mesi per pagare. Una situazione a suo modo complessa sia perché esercintadno in casa, il luogo dell’attività non può essere materialmente chiuso, sia perché si presume che per pagare la massaggiatrice che non essendo fisioterapista non può regolarizzarsi, potrebbe non avere altra scelta che lavorare ancora di più. Anche se, raggiungere una cifra così alta appare un’impresa.

21.05.2015
COLPO ALL’HARVEY DI ROSA’, BOTTINO DA QUANTIFICARE
Siamo alla cronaca con un furto avvenuto nella notte al negozio di abbigliamento Harvey di via Garibaldi a Rosà. Attorno a mezzanotte e mezza, quattro individui travisati con un passamontagna hanno infranto con un puntello per impalcature la vetrina e rubato numerosi capi di abbigliamento. Ad accorgersi di quanto stava accadendo, il titolare del negozio che abita sopra l’esercizio commerciale che ha allertato il commissariato. Immediato l’arrivo sul posto di una volante della polizia, ma i ladri sono riusciti a darsi alla fuga. Ancora da quantificare il danno

21.05.2015
QUALIFICA PER ADULTI: UNA SCOMMESSA VINTA
Ampliare il bagaglio di conoscenze e competenze di chi per colpa della crisi si è trovato senza un lavoro, e orientare l’esperienza acquisita verso una corretta direzione occupazionale. Questo l’obiettivo dei progetti di qualifica per adulti, finanziati dalla Regione Veneto, e rivolti a 500 adulti oggi disoccupati. Proprio di questi progetti di cui si è parlato oggi all’ente di formazione Irigem di Rosà. Nell’occasione, oggi, sono stati consegnati anche i diplomi a quanti hanno preso parte ai corsi di riqualificazione tenuti all’ente Irigem. E per molti adulti, tornare sui banchi è stata una scommessa

20.05.2015
GRANDE GUERRA, A BASSANO “ESPLODE LA PRIMA BOMBA”
A poche ore dalla presentazione del programma delle celebrazioni del centenario della grande guerra a Bassano esplode già la prima bomba. Ad accendere gli animi la possibilità che le salme dei militi ignoti, tanto attesi in città domenica prossima, 24 maggio, data storica ed emblematica per il nostro paese, non arrivino in città per la benedizione solenne e la resa degli onori militari. Tutto per un eccesso di zelo burocratico, come denuncia Nino Balestra presidente del comitato celebrazioni storiche nel nome del Grappa. Lo stesso sindaco di Bassano, Riccardo Poletto, fresco di illustrazione del programma di domenica esprime forti dubbi sull’arrivo delle salme. E difatti viene da chiedersi come sia possibile che solo ora sia uscita una notizia del genere. Noi abbiamo interpellato anche la direzione del sacrario sul grappa. E ci hanno confermato che se da un lato è già arrivato dalla procura il nulla osta per le sepolture, dall’altro ancora nessuna notizia dalla commissione di onor caduti. Insomma, pur essendo a ridosso della cerimonia, il 24 maggio è ormai alle porte, non si sa ancora se Bassano potrà rendere il dovuto omaggio ai militari rinvenuti sul monte caro alla patria. E non si sa ancora di chi sia la colpa (VB)

20.05.2015
RIAPERTURA OSSARIO: CARLA DE ZEN MADRINA DELL’EVENTO
Se è ancora in forse l’arrivo delle salme dei militi ignori, di sicuro domenica prossima, 24 maggio, c’è la cerimonia di riapertura del tempio ossario, una battaglia vinta da reteveneta, scesa in prima linea, costituendo l’apposito comitato. Ed è ufficiale anche il nome della madrina dell’evento, Carla De Zen Mattarucco, testimone all’inaugurazione del sacrario di Bassano nel 1934. (VB)

20.05.2015
TROPPI FURTI A VIGONZA: PETIZIONE DEI CITTADINI
L’emergenza sicurezza a Vigonza bussa di casa in casa. I troppi furti degli ultimi tempi hanno spinto i cittadini a organizzare una petizione da presentare al Prefetto di Padova tramite il loro sindaco, che ha sin da subito accolto le istanze della sua comunità. Una preoccupazione che era già emersa durante il talk Focus di Rete Veneta, e che ora torna ad avere cassa di risonanza nei nostri telegiornali. E così ieri è iniziata la raccolta firme. In poco più di un’ora già raccolte 100 adesioni. Tutto per chiedere di avere un territorio più sorvegliato. Nel frattempo sono i cittadini che monitorano il territorio. La raccolta firme durerà tre settimane.

20.05.2015
ALL’IRIGEM FORMAZIONE A QUALIFICA PER ADULTI
La crisi economica in pochi anni ha provocato la perdita di migliaia di posti di lavoro. Oggi però la formazione e la riqualificazione possono rappresentare una via d’uscita. Se ne parlerà domani in via Schallstadt, a Rosà, dalle 10, nella sala convegni dell’ente di formazione Irigem, nell’incontro dal titolo “Il riconoscimento degli apprendimenti esperenziali nei percorsi di qualifica per gli adulti”. Numerose le autorità presenti. Ma soprattutto fondamentali saranno le testimonianze dirette di coloro che hanno frequentato i corsi irigem. Un’occasione, insomma, per analizzare le pratiche sperimentate e proporre e approfondire le linee di intervento che possano mettere a sistema i modelli e le metodologie applicate. Per permettere, a chi ha un bagaglio adeguato, di rientrare nel mondo del lavoro, riappropriandosi della propria professionalità, orientando l’esperienza acquisita durante i corsi, nella corretta direzione occupazionale (VB)

20.05.2015
CARABINIERI DI CITTADELLA, 6 ARRESTI
La cronaca, con 6 arresti effettuati dai carabinieri della compagnia di Cittadella. In particolare dietro le sbarre Marian FATU DRAGOS, 24enne romeno, residente a San Martino di Lupari, in esecuzione di mandato di arresto europeo emesso dalle Autorità Romene, per furto aggravato, guida senza patente e guida in stato di ebbrezza, reati commessi in Romania. Al due Palazzi sono finiti anche Claudio FRISON, 48 anni, per scontare 14 anni e 10 giorni per rapina, sequestro di persona e truffa, e Flavio Tarozzo, 55 anni, di Trebaseleghe, rinchiuso per furto e porto irregolare d’armi.

20.05.2015
VERSO LE SEMIFINALI: IN TESTA... SOLO LA REGGIANA
Del calcio scommesse in casa giallorossa guai a parlare. Silenzio e riserbo predominano anche all’indomani dello scandalo che vedrebbe coinvolte due formazioni del girone bassanese: Monza e Pro Patria. E allora meglio pensare alla sfida di domenica a Reggio Emilia: alle 18 si affronta la Reggiana Prima sfida in trasferta, la seconda, domenica 31 si giocherà al Mercante. Ma per Bizzotto, il fattore campo non inciderà particolarmente Concentrazione e fiducia nei propri mezzi, dunque, l’arma in più dei bassanesi che hanno dimenticato in fretta la delusione del mancato aggancio diretto alla serie B

19.05.2015
CENTENARIO GRANDE GUERRA, BASSANO E’ PRONTA
24 maggio 1915 24 maggio 2015 cento anni fa l’Italia entrava in guerra. All’alba l’esercito varcava la frontiera sul fiume Isonzo ed iniziavano le ostilità con gli austroungarici. Un secolo dopo il primo conflitto mondiale la città di Bassano medaglia d’oro al valor militare vuole ricordare una delle pagine più drammatiche della nostra storia, ma soprattutto rendere omaggio a tutti quei soldati che hanno dato la vita in nome di un ideale che si chiamava patria. Domenica prossima sarà una giornata intensa. Si comincia alle 8 del mattino con la fiaccolata dei ragazzi del 1999 che dal ponte vecchio giungerà in cima Grappa. In piazza Libertà, la santa messa in onore dei caduti e gli onori alle salme dei militi ignoti rinvenuti sul Grappa. Ma il momento clou sarà la riapertura delle porte del tempio ossario. Finalmente si potrà tornare a pregare davanti alle tombe dei 5 mila morti in guerra. Si preannuncia una cerimonia toccante, integralmente ripresa dalle telecamere di reteveneta un simbolico ritorno a casa, che vedrà come madrina d’eccezione Carla De Zen Mattarucco, lei che, allora bambina, era presente all’inaugurazione del sacrario di Bassano nel 1934. (VB)