NOTIZIE BASSANO TG



 

07.07.2015
LE 19 RIFORME DI LUCA ZAIA PER CAMBIARE IL VENETO
19 progetti di legge per 19 riforme che ridisegnano il Veneto. E’ quasi un programma di legislatura quello che, dopo l’annuncio di Zaia nel giorno di presentazione della Giunta, è stato depositato in Regione dal capogruppo della Lega Nord Nicola Finco. Un programma che parte da due temi caldi: lavoro e la sanità Ma tra le 19 leggi volute da Zaia c’è molto altro, quasi una riforma a 360 gradi …

07.07.2015
PROFUGHI AL LAVORO A BASSANO, IL COMUNE SI ORGANIZZA
La volontà del Comune di impiegare i profughi ospitati a Bassano in lavori socialmente utili ha sollevato una marea di commenti - anche a livello regionale - tra consensi, critiche e qualche dubbio. A partire dalla sua fattibilità: lo status giuridico di profugo non consente un contratto di lavoro. La questione in via Matteotti è già stata risolta: i profughi lavoreranno come volontari. Rimangono però altre questioni aperte: se dal Comune chiedono ai quartieri di segnalare le proprie necessità non tutti i rioni sembrerebbero aver risposto in maniera entusiasta. O ancora: i profughi dispongono delle competenze necessarie o dovranno essere seguiti passo passo? Su una cosa l’esponente della maggioranza concorda con le critiche arrivate dal centro destra: non è questa la soluzione del problema, né peraltro intende esserlo. C’è anche da fare i conti con una parte di opinione pubblica critica verso qualsiasi forma di accoglienza in un periodo nel quale ci sono veneti che si sentono abbandonati in situazioni di difficoltà provocate dalla crisi.

07.07.2015
AUTO CONTRO CAMION. FERITE MAMMA E FIGLIOLETTA DI 4 MESI
Auto contro camion. Mamma e figlioletta di 4 mesi residenti a San Pietro in Gù si trovano ricoverate al San Bassiano, a seguito di un incidente stradale avvenuto in serata in via risorgimento in pieno centro a Tezze sul Brenta. Le due si trovavano a bordo di una seat, condotta dal capofamiglia. Da una prima ricostruzione da parte della polizia locale di tezze, pare che l’auto abbia invaso la corsia del camion. Dall’urto la piccola è stata sbalzata dal seggiolino, riportando diverse ferite. Pare comunque che né lei nè la mamma siano in pericolo di vita. Disagi al traffico, in quanto il mezzo pesante, per i danni riportati è rimasto bloccato in mezzo alla strada.

07.07.2015
LA COSTITUZIONE ITALIANA DA GIOVANE A… GIOVANE
Giovani bassanesi consegnano la costituzione italiana ai pieno diciottenni: Accade a Bassano del Grappa, dove da oggi sino a settembre un gruppo di ragazzi di “Cittadini per la costituzione” gireranno in bicicletta tutti i quartieri della città e porteranno casa per casa a 400 nuovi maggiorenni residenti nel comune, quello che è definito il libro delle legge fondamentale della repubblica italiana E la consegna della costituzione, accompagnata oggi anche dal sindaco Poletto e dall’assessore Mazzocchin, fa parte di un ben più ampio progetto di quella che un tempo veniva chiamata educazione civica. (VB)

07.07.2015
AVVIATO L’ITER DI DECADENZA DEL SINDACO PAN
10 voti favorevoli e tre contrari. E’ stato avviato ieri sera, in consiglio comunale a Cittadella, l’iter di decadenza del sindaco Giuseppe Pan, nominato dal governatore Zaia il 29 giugno assessore regionale esterno ad agricoltura, caccia e pesca. Un incarico incompatibile a quello di primo cittadino della città murata, che sarà sostenuto, per i prossimi dodici mesi, dal vice Luca Pierobon Entro luglio il passaggio delle consegne. Ora Pan dovrà decidere ufficialmente entro i prossimi 10 giorni se rimanere alla guida di Cittadella o se sedere in Giunta regionale. Nella prossima seduta, quella del 22 luglio, il consiglio ne prenderà atto e potrebbe avvenire il definitivo passaggio di carica tra Pan e Pierobon. Certo resta aperta la ferita causata dalla cacciata dalla giunta di Gilberto Bonetto, per motivi prettamente politici. VB)

07.07.2015
CICLOPEDALATA SULLE STRADE DELLA GRANDE GUERRA
Trento-Trieste-Trento, passando per Bassano, rigorosamente in bicicletta. 721 chilometri dal 6 al 12 luglio, per la ciclopedalata sula strade della grande guerra che ha fatto tappa sul ponte vecchio. Una manifestazione storico rievocativa lungo gli altopiani, i passi alpini, quei luoghi che nel triennio del primo conflitto mondiale, cent’anni fa, videro morire milioni di giovani. E sulla nostra città ai piedi del grappa, sul suo monumento simbolo,, non si poteva non fare una delle tappe dell’iniziativa promossa dal’associazione culturale pedalando nella storia artenza da Asiago, prima sosta a Bassano e poi via, alla volta di Redipuglia con tappa a Nervesa per questo gruppo di 30 persone, 25 ciclisti 5 accompagnatori. Ed una presenza d’eccezione, un ipovedente.. (VB)

07.07.2015
ARRIVA IL CALDO, IL SINDACO LIMITA L’USO DEL’ACQUA POTABILE
Date le elevate temperature di questi giorni, che implicano l’aumento dell’uso dell’acqua potabile, anche a Bassano il sindaco Poletto ha emesso un’apposita ordinanza relativa l consumo idrico. Per tutto il mese di luglio e fino alla fine di agosto è vietato l’utilizzo dell’acqua prelevata dall’acquedotto comunale per innaffiare orti e giardini, riempire piscine private, lavare le auto e per ogni altro uso estraneo alle norme del contratto di erogazione per le forniture ad uso domestico. I trasgressori saranno puniti

07.07.2015
DIPINTO DEL ’700 LASCIA BASSANO PER L’EXPO
Ha lasciato il museo civico di Bassano per raggiungere l’Expo di Milano il quadro di Alessandro Magnasco «Refettorio dei frati francescani osservanti» . È stato infatti chiesto in prestito per la mostra «Il tesoro d’Italia», una galleria di dipinti e sculture che spaziano dal Trecento al Novecento, che racconta “il gusto italiano”. Infatti la scena che il Magnasco rappresenta si riferisce ad un convivio di frati accomodati su lunghe ed affollate tavolate, apparecchiate in biancorosso, dove pietanze e bevande vengono servite in abbondanza: ce n’è per tutti, anche per i gatti.

06.07.2015
REFERENDUM GRECIA, ZAIA: RIVEDIAMO I TRATTATI EUROPEI
Il Veneto e la crisi che non finisce mai. Il Veneto ed una ripresa che stenta ad arrivare anche, secondo molti, per una politica del rigore imposta dall’Europa che invece di risolvere i problemi finirebbe addirittura con l’aggravarli. Viste le premesse di un economia le cui sorti sono sempre più legate a livello globale, appare inevitabile che anche da noi il referendum greco per rinegoziare il debito sia osservato con estrema attenzione Quelle dell’economia e degli stretti vincoli europei non sono le uniche questioni sul tavolo del governo del Veneto, alle prese con un’emergenza profughi che a Bassano si è pensato di tamponare impiegando i profughi in lavori socialmente utili Per Zaia il “no” a nuovi arrivi in Veneto è un imperativo categorico dal quale il presidente della Regione non intende recedere

06.07.2015
PROFUGHI NEL BASSANESE, LANZARIN: “SITUAZIONE PREOCCUPANTE”
Una situazione potenzialmente esplosiva, resa ancora più difficile da un flusso di profughi che oramai appare inarrestabile. Da Onè di Fonte dove il sindaco Massimo Tondi si prepara ad un’altra quarantina di arrivi che si aggiungeranno ai 28 profughi già presenti in paese, a Schio dove al termine di un braccio di ferro con la prefettura il primo cittadino Valter Orsi è riuscito a limitare a 50 il previsto approdo di 230 profughi in città, fino alle violenze di Mussolente costate il grave ferimento di un 28enne del Gambia. Dall’assessorato regionale ai Servizi Sociali, Manuela Lanzarin osserva con preoccupazione l’evolversi di un quadro che preoccupa non poco. A Bassano intanto il Comune ha fatto sapere che i 33 profughi ospitati in città saranno impiegati come volontari per lavori di pubblica utilità. Il problema per il neo assessore regionale si risolve a monte: sia mutando le politiche del Governo Italiano che il suo atteggiamento al parlamento di Bruxelles.

06.07.2015
BIGLIA SPARATA CONTRO L’AUTO, PARABREZZA IN FRANTUMI
Pensava fosse un sasso, invece ha scoperto che si trattava di una biglia di acciaio che ha rischiato di provocare una tragedia. Momenti di terrore quelli vissuti ieri mattina dal consigliere comunale di San Nazario Claudio Moro. Stava percorrendo la Valsugana all’altezza del cavalcavia che collega Pove a Bassano, diretto verso cima grappa, quando il parabrezza della sua jeep e’ andato in frantumi. Il 59enne, che ha sbandato ma e’ riuscito a tenere in strada l’auto, restando miracolosamente illeso, ha accostato il veicolo, sotto shock. Solo più tardi si e’ accorto che, ad infrangere il parabrezza, era stata una biglia sparata a folle velocita’, forse con una fionda. Da capire chi sia l’autore del gesto e la motivazione.

06.07.2015
E IO CHIAMO RETEVENETA:“CHIEDIAMO SOLO UN PERMESSO DI SOSTA PER I FAMILIARI”
Vicolo Bonaguro, a due passi dal cuore di Bassano una via popolata soprattutto da persone anziane che necessitano l’assistenza di un familiare. Ma a mettersi di traverso arrivano i vigili urbani, che minacciano di fare la multa alla nuora di Albino Primon, 77anni, il nostro telespettatore che ha chiamato rete veneta per denunciare una situazione paradossale. I residenti hanno necessità da una persona che dia loro assistenza. Ma la cosa pare non venga presa in considerazione da chi di dovere,. Se la nuora di Albino Primon ha rischiato di prendere la multa, per il divieto di sosta è stata invece sanzionata la figlia di Laura Zaborra. (VB)

06.07.2015
IL SINDACO LUISETTO: A NOVE SI SUPERA LA BUROCRAZIA
Dopo gli appelli e le polemiche arriva la parola definitiva del sindaco di Nove Chiara Luisetto sulla vicenda della famiglia Sartori che proprio dagli schermi di Rete Veneta aveva raccontato le disavventure patite a Nove: prima lo spostamento del proprio autoscontro, da 60 anni presente in paese per la festa dei patroni in una zona diversa dal centro, poi l’incertezza nell’ottenere un permesso per rimanere qualche giorno in più a Nove con la roulotte per motivi di salute del capofamiglia. “La richiesta presentata dalla famiglia Sartori di rimanere a Nove ha trovato pronta risposta - scrive a Rete Veneta il primo cittadino - Proprio per dare immediato riscontro, sia l'ufficio tecnico che la polizia locale hanno informato direttamente i sigg. Sartori. L'invio della risposta scritta è solo una conferma di quanto ci si era già detti a voce”. Chiara Luisetto risponde anche al vice sindaco di Bassano Roberto Campagnolo che ospite in studio del telegiornale aveva commentato la notizia invitando nel caso la famiglia Sartori a venire con la roulotte a Bassano “Il peso della burocrazia sta a cuore tanto a me quanto al Vicesindaco di Bassano - scrive Luisetto - anticipare la forma scritta con una comunicazione verbale è un caso concreto di superamento della burocrazia che ha consentito alla famiglia di rimanere a Nove ancora alcuni giorni”. La famiglia Sartori si fidi un po' di più delle scelte di questa Amministrazione, dato anche l'ottimo risultato di presenze sul proprio autoscontro durante la festa dei patroni.

06.07.2015
REQUIEM DI MOZART PER RENDERE OMAGGIO AI CADUTI IN GUERRA
Per rendere omaggio a tutti i caduti della grande guerra, a cento anni dal primo conflitto mondiale, è stato scelto il requiem di Mozart, uno dei capolavori della musica classica eseguito dai Virtuosi della marca, orchestra di professionisti, diretti dal maestro castellano Luis Lanzarini. Un concerto intenso, come abbiamo sentito, che avrebbe dovuto essere eseguito sulla cima del monte sacro alla patria, in segno di rispetto e devozione. Quel Grappa che tanto significò, in termini di perdite di vite umane, per questa Italia. Causa maltempo, si è dovuto optare per la chiesa di san Zenone degli Ezzelini. E grande il rammarico del maestro Lanzarini(VB)

06.07.2015
LE NUOVE APERTURE DEL TEMPIO OSSARIO
A partire da domani, martedì 7 luglio, l'apertura del Tempio Ossario nei giorni feriali sarà garantita dal personale di Onor Caduti del Ministero della Difesa. Il sacrario riaperto in occasione delle celebrazioni del centenario della grande guerra, si potrà visitare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 17. Il sabato e la domenica le aperture continueranno ad essere garantite dalla preziosa collaborazione delle associazioni combattentistiche e d'arma dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

06.07.2015
MIRCO MASCHIO NUOVO PRESIDENTE MASCHIO GASPARDO
Il Consiglio di Amministrazione della Maschio Gaspardo ha nominato Mirco Maschio nuovo Presidente del Gruppo. Lo zio Giorgio è stato confermato alla vicepresidenza. La nomina è avvenuta in seguito alla tragica scomparsa, lo scorso 24 giugno, di Egidio Maschio cofondatore nel 1964 dell'azienda insieme al fratello Giorgio. Mirco Maschio, secondogenito di Egidio, 38 anni, ha cominciato a lavorare nell'azienda di famiglia nel 1998. “Adesso bisogna guardare avanti e continuare lo straordinario percorso iniziato da nostro padre oltre 50 anni fa" queste la parole del nuovo presidente del gruppo Maschio

06.07.2015
ROCCIATRICE SCIVOLA E SBATTE CONTRO LA ROCCIA
Se l’è vista brutta un’escursionista di 27 anni di Piazola sul Brenta, che ieri, dopo avere perso l'appiglio, ha sbattuto contro la roccia, a due tiri dall'uscita della via Gaudeamus. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha recuperato la ragazza con un verricello di 20 metri e successivamente anche il compagno, fermo più in alto. La rocciatrice è stata trasportata all'ospedale di Cortina con un trauma al ginocchio.

04.07.2015
A BASSANO I PROFUGHI LAVORERANNO COME VOLONTARI
Piccoli lavori di manutenzione, ripulire una strada magari nell’ambito di una giornata ecologica, sfalciare un prato, riverniciare una ringhiera. Da oggi per tante attività di decoro urbano la città di Bassano potrà contare, in qualità di volontari, sui profughi che sono ospitati in città. Attualmente a Bassano i profughi sono 33 accolti dalla onlus “Casa colori” dislocati in alcuni appartamenti, in attesa di un documento che gli permetta di raggiungere la Francia o la Germania. Giovanni Cunico con l’assessore alla persona Erica Bertoncello ha già avviato una serie di incontri con i rappresentanti dei consigli quartiere per chiedere la collaborazione dei quartieri che già si sono detti disponibili a coordinare l’attività dei profughi in attività di volontariato.

04.07.2015
ESPROPRI PEDEMONTANA, BERTI: ”NO SCHEI NO CAMPI”
Le parole del consigliere regionale Jascopo Berti sono diventate il motto della manifestazione che si è svolta davanti alla sede della sis di Cassola, la ditta costruttrice della pedemontana veneta. Decine di espropriati, slogan e striscioni eloquenti, per chiedere d’essere risarciti dei terreni tolti per far posto all’infrastruttura. E se la questione non deve avere colore politico, la politica oggi deve fare la sua parte. Un furto regolarizzato, dice Berti. C’è chi ha perso la strada, chi ha perso i campi coltivati, fonte di reddito, chi ha perso la ditta. Ed in cambio non hanno visto ancora nulla La rabbia è tanta, soprattutto c’è chi dice oltre al danno la beffa…come commenta Ettore Bizzotto, espropriato di Mussolente che abbiamo conosict6o un anno fa. Perché oltre a non avere ricevuto alcun indennizzo, è ancora i attesa del risarcimento per id anni causati agli elettrodomestici per un incidente provocato dagli operai della sis A confermare la necessità di un’azione lontana dalla politica, per quanto fatta dai politici, anche Andrea Zanoni consigliere regionale del Pd(VB)

04.07.2015
A ROSA’ VIA AI LAVORI PER IL NUOVO POLO SCOLASTICO
Un polo dell’istruzione presto al servizio dei giovani studenti Cusinati e San Pietro. Con la posa della prima pietra sono partiti ufficialmente i lavori per la costruzione della nuova scuola primaria - comprensiva di palestra - che accoglierà i bambini di entrambe le frazioni di Rosà. Un investimento di sette milioni di euro, che può contare anche su di un robusto supporto della Regione, per il quale in Comune si respira soddisfazione, un successo in tempi economicamente difficili per le amministrazioni locali. La riqualificazione ambientale dell’aera è un aspetto tutt’altro che secondario e il nuovo edificio promette d’essere anche tecnologicamente all’avanguardia, all’insegna dell’efficientamento energetico, dotato di spazi multimediali e multifunzionali. Un investimento sulle nuove generazioni, come sottolinea il vice sindaco Manuela Lanzarin da pochi giorni impegnata nella nuova giunta regionale come assessore ai Servizi Sociali La chiusura del primo stralcio dei lavori è prevista entro la fine dell’anno.