NEWS TG BASSANO

QUEL “PASTICCIACCIO” IN REGIONE

  • 22.06.2016

Beh Zaia a Bassano i punti certi li ha dati. E’ che c’è qualcuno che li vuoel togliere. Colpo di scena in regione. Solo poche ore fa il PD sollevava una forte polemica sulla Conferma dell’ulss di Bassano nell’ottica degli accorpamenti e delle riduzioni delle aziende sanitarie. Conferma ribadita e supportata a gran voce dal presidente Luca Zaia. Oggi il capogruppo del partito democratico veneto, la abbiamo sentita, punta il dito d’accusa proprio contro il governatore Zaia. Forse ci sfugge qualcosa? O forse stanno solo cercando di correggere un tiro andato fuori centro e correre ai ripari dopo un’uscita a dir poco inopportuna? Sì perchè lo abbiamo ribadito in più occasioni, il pd che sia a Roma o a Venezia, sta letteralmente spogliando il nostro territorio. E dal suo canto sempre in regione, il movimento 5 stelle si dice pronto a supportare il bassanese e la Pedemontana Insomma questo bassanese sta proprio a cuore a tutti…ci hanno tolto il tribunale, a rischio l’archivio di stato, in forse sino all’ultimo è stata l’ulss, ….ma tutti tengono a questo territorio…o no? (VB)

MATURITA’: GLI STUDENTI SUPERANO IL PRIMO OSTACOLO

  • 22.06.2016

Al via oggi la prima prova scritta della maturità. 1528 gli studenti bassanesi, che affrontano l’esame di stato, il 6 e mezzo per cento in meno rispetto allo scorso anno. Tra i temi Umberto Eco, il rapporto tra padri e figli in arte e letteratura, i 70 anni dal voto alle donne, l’uomo nello spazio, Pil e paesaggio. Per loro, i ragazzi, un inizio positivo. Domani, la seconda prova scritta di indirizzo. Quella che preoccupa di più i ragazzi. A tutti un in bocca al lupo (VB)

LADRO IN AZIONE TRA CASSOLA E ROSSANO

  • 22.06.2016

La cronaca. Con una serie di colpi messia a segno nella notte tra Cassola e Rossano Veneto. Presi di mira un bar, il San Marco Center, dove è stato rubato denaro contante dal registratore di cassa. I malviventi hanno quindi raggiunto la boutique del colore, entrando dopo avere forzato una finestra. Rubati attrezzi per un valore di 1500 euro

POPOLARE DI VICENZA, CHIESTI RISARCIMENTI PER 150 MILIONI DUI EURO

  • 22.06.2016

Avviata da un gruppo di grandi azionisti di Banca Popolare di Vicenza una serie di iniziative legali per ottenere l'annullamento o la risoluzione degli acquisti delle azioni dell'istituto e per il risarcimento del danno subito a seguito dell'azzeramento del loro valore nel 2016. Il gruppo ha già richiesto alla Popolare annullamenti, risoluzioni o risarcimenti dei danni per oltre 150 milioni di euro, coinvolgendo in alcuni casi amministratori e società di revisione.

GRUMOLO DELLE ABBADESSE:OPPOSIZIONI A PROCESSO PER CALUNNIA

  • 22.06.2016

Grumolo delle abbadesse. Sono chiamati a presentarsi davanti al giudice con l’accusa di calunnia quattro consiglieri di opposizione. La prima udienza del processo è stata fissata per il prossimo 7 novembre . Tra le presunte persone offese sindaco, vicesindaco ed ex amministratori. L’indagine è scattata nell’aprile dell’anno scorso quando i quattro consiglieri di minoranza hanno inviato un esposto in procura e in prefettura accusando di istigazione a delinquere, falso, abuso d’ufficio e omissione in atti d’ufficio sindaco, vice, assessori, consiglieri, progettisti e funzionari pubblici. Una vicenda relativa a lavori per un capannone lungo il rio Terga. Secondo l’ipotesi delle minoranze il Comune aveva compiuto una serie di irregolarità amministrative che si erano trasformate in reati.

NUOVA VITA ALLA CANONICA DELLA SANTISSIMA TRINITA’

  • 22.06.2016

Nuova vita per la canonica della santissima trinità di Bassano. L’edificio versava in condizioni pessime. Dopo due anni di lavoro, una prima fase di recupero della copertura, una seconda di recupero dell’intero stabile, è stata restituita alla comunità, come ci spiega il progettista, l’architetto Alberto Zanini. Nello specifico tre sale ad uso civico, che potranno essere usate dai residenti. Oltre alle stanze dei religiosi che seguono la parrocchia. Fondamentale il contributo di tanti privati per sostenere i costi dell’opera. (VB)

S. CROCE BIGOLINA, L’ASILO NON CHIUDE

  • 22.06.2016

E’ direttamente il neo eletto sindaco Luca Pierobon a intervenire sul caso rassicurando il paese e smentendo la notizia che si era diffusa della chiusura della scuola dell’infanzia di Santa Croce Bigolina. La struttura resterà aperta e i bambini potranno continuare a frequentare l’asilo dal sole sorridente. Non solo la scuola non chiuderà ma l’amministrazione comunale garantisce ulteriore supporto e nuovi investimenti La scuola chiuderà i battenti per le vacanze estive il 30 giugno e riaprirà regolarmente

100 ANNI, TANTI AUGURI NONNA RINA

  • 22.06.2016

. Un cuore grande, dorato, per dire a tutti che in questa casa di Campagnari oggi si festeggia un compleanno speciale: i 100 anni di nonna Rina Geremia. Lei, seduta all’ombra con addosso un elegante golfino rosa e camicetta a fiori accoglie tutti con il sorriso. Un’intera giornata di festeggiamenti per nonna Rina, iniziata stamattina con la visita del sindaco Lago e del consigliere Tessarollo e proseguita con la visita di tantissime persone. Chi passa si ferma, un abbraccio, un bacio per questa arzilla signora dal secolo di vita. E allora tanti auguri nonna Rina

ACCOLTELLO’ UN AMERICANO AL LIV: ARRESTATO 20ENNE GHANESE

  • 21.06.2016

Siamo alla cronaca. E’ un 20enne ghanese, Jean Pierre Anglow, il giovane che, lo scorso 8 maggio accoltellò, durante una maxi rissa alla discoteca Liv, un soldato americano. L’uomo, arrestato dai Carabinieri è stato individuato dopo l’analisi di oltre cinquemila foto scattate nel locale e l’ascolto di numerosi testimoni. L’africano è accusato di lesioni gravi e ora si trova agli arresti domiciliari a Bassano.

BASSANO: GASTRONOMIA IN FIAMME, INGENTI I DANNI

  • 21.06.2016

Pauroso incendio ieri sera alla gastronomia pizzeria da Guido in viale Vicenza a Bassano. I vigili del fuoco sono intervenuti con tre mezzi per spegnere il rogo partito dal retrobottega del locale evitando l’estensione all’interno dell’attività che ieri era chiusa per turno settimanale. A dare l’allarme i vicini. Nessuno è rimato ferito. Ingenti i danni, si parla di almeno 30 mila euro, la linea elettrica 380 volt, le vetrate del laboratorio, le finestre del primo piano, che sono saltate per il calore. Completamente annerita la facciata esterna dello stabile. Le squadre hanno lavorato a lungo per ultimare le operazioni di messa in sicurezza dell’edificio. Da capire ora cosa ha provocato le fiamme(VB)

VALSTAGNA: 5 ANNI LONTANO DAGLI STADI

  • 21.06.2016

Il questore di Vicenza ha disposto il divieto di accesso a qualsiasi manifestazione sportiva e l’obbligo di firma per cinque anni, per un 39enne residente nel comune della Valbrenta. L’uomo lo scorso 5 marzo, durante un incontro dell’hockey Bassano, ha dato in escandescenza e si è scagliato contro un parapetto in plexiglass al palazzetto dello sport, sfondandolo. Il 39enne non è nuova a simili episodi. Prima di questo era già stato colpito da un daspo di 3 anni. (VB)

BASSANO: TENTA DI RUBARGLI IL ROLEX, SCOPERTA SCAPPA, INDIVIDUATA

  • 21.06.2016

Lo scorso 26 maggio aveva avvicinato il titolare della farmacia alle grazie di via Passalacqua a Bassano, gli aveva chiesto un’informazione e l’aveva abbracciato, cercando di rubargli il rolex che l’uomo aveva al polso. Per un caso il furto non era riuscito e lei, una 31enne romena, residente in Germania, in Italia senza fissa dimora, era scappata a bordo di un’audi A6 guidata da un complice. La stessa auto che in più occasioni era stata notata e segnalata alle forze dell’ordine in tutta la provincia di Vicenza, dove la donna metteva a segno colpi ai danni per lo più di anziani. Ora è caccia alla coppi(VB)

MAROSTICA : VOLONTARI PER VIGILARE SUI RIFIUTI

  • 21.06.2016

Un corpo di volontari per custodire il territorio. È l’iniziativa dell’Unione Montana Marosticense che, in collaborazione con Polizia Locale e Protezione Civile, ha sottoscritto una convezione con gli Agenti Faunistici Ambientali Zoofili. I volontari saranno impegnati nella salvaguardia del territorio vigilando in particolare sull’adeguata gestione di rifiuti, sulle azioni di inquinamento, sulla corretta conduzione dei cani e sul rispetto della flora e della fauna. I volontari indosseranno proprie divise (simili a quelle del corpo forestale) e avranni in dotazione un’auto, fornita di lampeggiante.

PARTE DALLE FRAGOLE IL FUTURO DEI GIOVANI DI ASIAGO

  • 21.06.2016

Tremila metri di coltivazioni sotto serra, 20mila piantine, coltivate con passione e amore dallo scorso aprile ad oggi. E’ l’impresa di Matteo Rigoni e di un gruppo di giovanissimi che ad Asiago stanno realizzando un piccolo sogno: coltivare piccoli frutti Per ora si coltivano fragole, ma l’idea è quella di allargare la coltivazione anche ai mirtilli e ai lamponi. Il tutto reso possibile grazie ad un progetto fortemente voluto dall’amministrazione cittadina che ha messo a disposizione vecchi terreni comunali ad un affitto quasi irrisorio per dare un futuro lavorativo ai suoi giovani Matteo oggi ha la sua impresa, ma ha mai pensato di lasciare l’Altopiano

AL VIA GLI ESAMI, AL BROCCHI UN “MATURANDO” DA 10

  • 21.06.2016

Notte prima degli esami, cantava Venditti. E questa notte, quella del solstizio d’estate, la più lunga di tutto l’anno, sarà davvero la notte che precederà la prima prova della Maturità 2016. In migliaia, anche nel bassanese, domani affronteranno lo scritto di italiano, scegliendo nelle sei ore messe a disposizione, tra analisi del testo, saggio breve, articolo di giornale, tema storico o di ordine generale. E come sempre anche quest’anno, alla vigilia, si sprecano i pronostici sulle possibili tracce: Dante, Verga, Saba ma anche gli insospettabili Baricco, Dacia Maraini e Andrea Camilleri compaiono tra le indiscrezioni dell’ultima ora di esperti e studenti. E in tema di studenti, tra quanti affronteranno la prova di Maturità a Bassano ce n’è uno che merita assolutamente una citazione. E’ HARMANPREET SINGH, nato in Italia, ma di nazionalità italiana, studente della 5B scientifico del Brocchi. Questo ragazzo, che vive a Cassola, e che sogna la laurea in Fisica, è arrivato agli esami finali con una pagella di soli 10. A noi che volevamo intervistarlo, ha chiesto di risentirci dopo gli esami, cosa che faremo, intanto auguriamo ad HARMANPREET e a tutti i maturandi un grosso in bocca al lupo!

A TEZZE I PICCOLI CITTADINI D’EUROPA

  • 21.06.2016

I bambini delle scuole materne di Tezze, capoluogo e frazioni, ufficialmente cittadini europei. I piccoli hanno seguito un apposito percorso di educazione alla cittadinanza, culminato con la firma della carta di identità europea, davanti al municipio. Sul posto anche il sindaco di Cittadella visto che la frazione di Laghi è divisa tra i due comuni Inno di M

LE PENNE NERE BASSANESI INVADONO GORIZIA

  • 20.06.2016

Oltre 35mila presenze complessive, più di 20mila penne nere. Questi i numeri di quanti hanno invaso il cuore della città di Gorizia per il tradizionale Raduno Triveneto degli Alpini, coinciso quest’anno con l’adunata nazionale della Brigata Julia. Circa 5000 le penne nere arrivate dal vicentino e accolte tra gli applausi della gente isontina. Molti gli appartenti dell’Ana montegrappa, come alle sezioni di Marostica e Cittadella. Pochi, invece, gli amministratori presenti, quelli arrivati a Gorizia in prevalenza donne: da Graziella Stefani di Conco ad Antonella Corradin di Lusiana, da Morena Martini a Giada Scuccato E come accaduto già in occasione dell’Adunata Nazionale di Asti, la commozione ha accompagnato l’arrivo degli alpini di Asiago che anche a Gorizia hanno voluto rendere omaggio al loro grande vecchio, Cristiano Dal Pozzo Dopo tre ore di marcia al passo, il Raduno si è chiuso con il solenne passaggio delle stecca da Gorizia alla Val di Chiampo organizzatrice della Triveneta 2017

SCHIANTO IN VALSUGANA, MUORE ARCHITETTO BASSANESE

  • 20.06.2016

La cronaca con un terribile incidente stradale costato la vita a Giorgio Lazzarotto, 56 anni, architetto bassanese molto conosciuto in città. Il sinistro poco prima delle 17 di ieri, lungo la statale 47 Valsugana, in località Barco, nei pressi di Levico. 10 i feriti, tra cui la figlia 14enne di Lazzarotto ed un’amica della ragazzina che viaggiavano nella Volkswagen touran condotta dal professionista. 6 i mezzi coinvolti. Da capire le cause del sinistro. Il 56enne stava rincasando. Durante un sorpasso, forse per l’asfalto reso viscido dalla pioggia battente, forse per un malore, ha preso il controllo del mezzo. La touran si è scontrata contro un fugone che proveniva dall’opposta corsia di marcia, per poi finire nel fossato a lato della carreggiata. Da qui il finimondo, un tamponamento a catena tra più veicoli. Per Giorgio Lazzarotto, che viveva e lavorava in zona San Marco di Bassano, non c’è stato nulla da fare. E’ morto praticamente sul colpo, nonostante l’immediato arrivo dei soccorsi, tre ambulanze del 118 e l’elicottero di Trentino emergenza, che ha trasportato le due 14enni al Santa Chiara di Trento. Loro e gli altri feriti non versano in gravi condizioni La notizia del decesso dell’architetto bassanese si é sparsa rapidamente. Tanti i messaggi anche attraverso i social per dire addio ad un uomo molto apprezzato a livello professionale ed umano, vicino al mondo dello sport e della musica. Per i funerali c’é da attendere il nulla osta del magistrato (VB)

RIFIUTI: ETRA E COMUNE RIDUCONO LE TARIFFE DEL 13.5%

  • 20.06.2016

Da un lato le strategie di ottimizzazione messe a punto da Comune di Asiago ed Etra, dall’altro la crescente attenzione da parte dei cittadini: è questo il mix vincente che ha reso possibile una netta riduzione dei costi del servizio rifiiti nel comune dell’altopiano per questo 2016. Una ventina di euro all’anno sarà quanto mediamente risparmieranno i residenti, ma il beneficio dell’operazione condotta da Etra e Comune è anche di tipo ambientale Ormai consolidata la presenza dei press container, ad Asiago entro l’anno arriverà un’importante novità

GRAVISSIMO 33ENNE TRAVOLTO DA AUTO, DUE DENUNCE

  • 20.06.2016

Forse erano così ubriachi da non essersi neanche resi conto di avere travolto una persona e sfasciato l’auto su cui viaggiavano, una Opel corsa. Ieri sera, quando hanno smaltito la sbornia si sono recati dai carabinieri di Cittadella per costituirsi. Devono rispondere di lesioni gravissime, omissione di soccorso e fuga due 29enni di Fontaniva che ieri notte, proprio a Fontaniva, lungo regionale 53 Postumia, hanno investito un 33enne di Carmignano di Brenta che transitava a piedi lungo l’arteria che collega Vicenza a Treviso. Versa in gravissime condizioni all’ospedale di Padova, in prognosi riservata, in terapia intensiva in coma farmacologico, con politraumi al volto ed al torace. Il giovane, operaio in un’azienda di imballaggi, dopo una serata trascorsa con gli amici aveva deciso di chiudere con un panino al chiosco ambulante da anni allestito nel fine settimana al ponte di Fontaniva. Qui sarebbe nata un discussione con altri avventori ed il 33 enne per non avere noie, si sarebbe incamminato verso casa. Ora sta lottando tra la vita e la morte. (VB)

VICENZA: CONSOB FA SCATTARE MULTE A POPVI E DIRIGENTI

  • 20.06.2016

Popolare di Vicenza, Consob ha fatto partire sanzioni alla banca e ad alcuni suoi dipendenti di alto livello per presunte violazioni alla normativa europea sui documenti da compilare obbligatoriamente da parte degli istituti di credito per tracciare un profilo dei loro clienti nel momento in cui acquistano prodotti finanziari. Il giudice del Tribunale di Venezia ha accolto il ricorso d'urgenza di un imprenditore che ha chiesto di dichiarare nullo il contratto di fido in relazione alla sottoscrizione dell'aumento di capitale correlato. Secondo gli ispettori di Bce, l’istituto di credito avrebbe fatto comprare articoli potenzialmente 'pericolosi' ai clienti a loro insaputa o, secondo le ipotesi, gli stessi documenti sarebbero stati compilati in maniera non corrispondente al desiderio del cliente.

DA MEZZO MONDO PER RICORDARE IL SACRIFICIO DI TANTI GIOVANI

  • 20.06.2016

Val Magnaboschi, 22° pellegrinaggio a Cesuna di Roana, luogo sacro del fante, luogo in cui tanti giovani hanno perso la vita durante la prima guerra mondiale. Un luogo simbolico non solo per la nostra Italia, dal momento che proprio in val Magnaboschi oltre al tricolore sono arrivate anche delegazioni dall’Austria, da Gran Bretagna, Slovenia, Ungheria e Stati Uniti Suggestiva l’accensione del tripode .(VB)

ASIAGO: GRAVE 60ENNE MORSO AL VOLTO DAL CANE DELLA FIGLIA

  • 20.06.2016

Gioca con il cane della figlia e l’animale lo morde, squarciandogli il volto E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri. Protagonista un 60enne trevigiano, in vacanza ad Asiago L’uomo si trovava nella residenza estiva con la moglie. In visita la figlia con il suo cane, uno Schnauzer gigante di poco più di un anno di età. Mentre le due donne erano in casa, il padre ed il cane sono usciti in giardino. Da capire cosa abbia spinto lo schnauzer ad addentare al volto l’uomo, subito portato dalla moglie all’ospedale di Asiago. Viste le gravi condizioni è stato trasportato con l’elisoccorso al San Bortolo di Vicenza, sottoposto ad un delicato intervento di ricostruzione.

TONEZZA: 11 MUCCHE SPARITE, 8 TROVATE MORTE

  • 20.06.2016

Tonezza. Erano sparite da più di una settimana dal pascolo di Malga Campoluzzo Inferiore. Sono state recuperate 11 mucche, dopo due giorni di ricerca da parte dei vigili del fuoco, che erano riusciti a rintracciarne una viva, recuperata poi con l'elicottero. Ieri i soccorritori hanno perlustrato una zona di bosco a circa un chilometro dalla Malga, finché in una zona scoscesa, ne hanno ritrovata una ancora in vita tra gli alberi. Più sotto hanno invece rinvenuto le carcasse di due e, calandosi per oltre 100 metri fino alla base della parete verticale, altre sei vitelle morte. Ne manca ancora una all’appello .

BASSANO: LAVORI DI ASFALTATURA, VIABILITÀ MODIFICATA

  • 20.06.2016

Bassano. Per una settimana, da dopodomani, mercoledì 22 giugno, a giovedì 30, saranno asfaltate alcune vie cittadine in seguito a lavori di scavo eseguiti dall’Enel. Per permettere di operare in piena sicurezza la viabilità subirà alcune modifiche, in particolare: sarà istituito un senso unico alternato, regolato manualmente, e divieto di sosta con rimozione delle auto in via Folo, parte di via Parolini via XI Febbraio, parte di Piazzale Cadorna. Sarà inoltre istituito il divieto di transito temporaneo in via Tabacco via Beata Giovanna, vicolo Teatro Vecchio dalle ore 7.00 alle ore 19.00 e comunque per il tempo strettamente necessario all’ultimazione dei lavori. Sul posto sarà installata opportuna segnaletica.

BASSANO DEL GRAPPA: DEGRADO IN CENTRO CITTA’

  • 20.06.2016

Bassano. Continuano le segnalazioni da parte dei nostri telespettatori, per segnalarci situazioni di degrado. Siamo stati con la telecamera a documentare la situazione in via Beata Giovanna, in vicolo Brocchi e davanti al centro giovanile.- Come potete notare dalle immagini, immondizie sparse ovunque, assenza di cestini per raccogliere i rifiuti, incuria totale, scritte che imbrattano i muri ed i storici edifici, a due passi dal centro storico della città. Chi ci ha segnalato il degrado ci chiede cosa pensino di fare gli amministratori in merito ad una situazione definita “vergognosa”

ALPINI A GORIZIA RETEVENETA PRONTA ALLA DIRETTA

  • 18.06.2016

In apertura di telegiornale puntiamo i nostro riflettori sull’adunata triveneta delle Penne Nere in corsi a Gorizia. Domani il momento più atteso: la lunga sfilata che noi di Reteveneta vi trasmetteremo in diretta a partire dalle 9.30. Ma oggi le nostre telecamere erano già nella città isontina... Guardate

MUORE MOTOCICLISTA TRAVOLTO DA UN’AUTO

  • 18.06.2016

Sangue sulle strade in piena notte. A perdere la vita attorno all’una Gianmichele Carboni, 59enne di Tezze sul Brenta. L’uomo stava procedendo lungo la statale 47 Valsugana, in sella alla sua motocicletta Aprilia, diretto verso nord. In prossimità di via ca’ Moro, a Pozzetto di Cittadella, lungo il rettilineo, procedeva dall’opposta corsia una BMW X5 condotta da una 49enne di Castelfranco Veneto. La donna ha frenato, per compiere una manovra di svolta a sinistra ed immettersi nel piazzale del distributore di benzina dall’altro lato della carreggiata. Non si è accorta della moto che stava sopraggiungendo e l’ha centrata in pieno. Carboni è deceduto sul colpo. Inutile ogni soccorso. Sul posto i vigili del fuoco ed i carabinieri di Cittadella. La 49enne rischia l’accusa per omicidio stradale. (VB)

TRASPORTI SCOLASTICI: GIA’ PRONTO IL PIANO 2016/17

  • 18.06.2016

L’Amministrazione comunale, i presidi, i rappresentanti dei genitori, la provincia e le aziende dei trasporti: da mesi, attorno ad un unico tavolo, lavorano per azzerare le annose criticità che ogni anno interessano il trasporto scolastico. Un lavoro capace oggi di dare i suoi frutti, tanto che a giorni saranno già disponibili le linee guida per la prossima annata Grazie a confronti quasi mensili, si è arrivati ormai a superare storiche problematica E tra i problemi ai quali di cerca ancora una soluzione vi è quello di consentire a tutti gli studenti di arrivare puntuali a scuola

AZIONISTA SUICIDA: IN 500 AL SUO FUNERALE, POI LA PROTESTA

  • 18.06.2016

Gremita la chiesa di Montebello Vicentino, dove si sono svolti i funerali di Antonio Bedin il pensionato di 69 anni che, in preda alla disperazione, dopo avere perso mezzo milione di euro, investito in azioni e obbligazioni subordinate della banca popolare di Vicenza, ha deciso di farla finita. Si è tolto la vita mercoledì sera, nella sua abitazione sparandosi un colpo d'arma da fuoco. In un biglietto aveva scritto “non ce la faccio più”, dando poi indicazioni per il suo funerale. Una vicenda che ha scosso fortemente l’opinione pubblica, ha unito ancora più tutti i risparmiatori truffati, ingannati dalla popolare di Vicenza. In mattinata si sono trovati davanti alla sede principale dell’istituto di credito, a Vicenza. “Il silenzio che uccide la verità” hanno scritto su un enorme striscione. Al termine del funerale, cui hanno partecipato almeno 500 persone, sono stati accesi ceri accanto alla foto di Gianni Zonin, l’ex presidente della popolare di Vicenza, di cui si è persa al momento ogni traccia. E davanti alla sua abitazione marcia silenziosa di protesta. (VB)

NEWS TG TREVISO

LAVORO: 30 I PROFUGHI ASSUNTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

  • 30.08.2016

A San Giuseppe e in via delle Absidi, presso gli appartamenti della curia, gli ultimi 18 profughi che verranno ospitati a Treviso ai primi di settembre. A darne notizia la stessa cooperativa che gestirà l’accoglienza E’ l’effetto Sprar, vale a dire accoglienza diffusa, per la quale nell’incontro di ieri a Ca’ Sugana nonostante il sì iniziale hanno improvvisamente fatto dietrofront gli altri 9 comuni governati dal centrosinistra lasciando di fatto la patata bollente della gestione dei 50 profughi da alloggiare al capoluogo. Assente perché non invitato proprio il referente dello Sprar per il comune di Treviso Said Chaibi che ha deciso di rimettere la delega attaccando la gestione immigrazione dell’assessore Caterina Cabino Nel frattempo 30 i profughi, dei 130 accolti dalla Caritas, che hanno trovato lavoro tra i campi con contratto a tempo indeterminato. A Levada per la raccolta tabacco e del radicchio; così la stessa Caritas

PROVINCIA: L’ANTI-MANILDO E’ STEFANO MARCON

  • 30.08.2016

Sarà una campagna elettorale anomala. Considerato che per la nuova Provincia, ente di secondo livello, il 18 settembre prossimo tra i candidati Presidente Giovanni Manildo e, da oggi, Stefano Marcon voteranno solo i consiglieri comunali delle amministrazioni della Marca. Eppure, dal K3 sede del Carroccio, i segretari di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Conservatori Riformisti promettono che saranno comunque tra la gente. A dimostrare che la sfida per il Sant’Artemio è tra due diverse idee, anche se inizialmente si era pensato a un accordo trasversale. La stoccata alle civiche che sostengono la sinistra del primo cittadino di Treviso Manildo in questa tornata. In sala alcuni dei prossimi candidati della lista unica di centrodestra. Presti di Arcade, Cordiali di Vidor, Pietrobon di Paese e Scardellato di Oderzo. Manca il sindaco di Montebelluna nelle scorse settimane in odore di candidatura.

VIA SARPI: «ECCO IL SOTTOPASSO PER BICI “ACQUATICHE” E PASSEGGINI SUB»

  • 30.08.2016

“Più che un sottopasso un percorso per sub, altro che ciclabile”. Così un intero rione di più due quartieri quello di via Ghirada e di S. Angelo uniti contro i lavori peggiorativi di Ca’ Sugana, dicono per il percorso ciclabile e per pedoni di via Sarpi che risulta costantemente allagato anche se non piove da giorni. La moglie di questo signore una decina di giorni fa è caduta rovinosamente dalla bici a causa dell’acqua alta per il tombino occluso dalle forti piogge. "Sorte peggiore per i pedoni che più dei ciclisti rischiano di cadere a causa della mucillagine costantemente presente sul bordo pista che rende il cemento scivolosissimo" ci dice sempre questa residente Un altro residente segnala come tra rifiuti abbandonati e deiezioni dei cani, la pista sia lasciata dal comune nel degrado più totale

SICUREZZA ANTISISMICA A TREVISO: “ IL PIANO DOV’E’?”

  • 29.08.2016

Sicurezza antisismica a Treviso. Quale il piano di intervento previsto dal comune e ancora quali le aree se ci sono a più elevata o potenziale pericolosità?. Andiamo sul sito del comune in cerca di delucidazioni. Il piano della protezione civile dovrebbe essere infatti pubblico e dettagliato. Ma nella pagina dell’assessorato "cura e benessere urbano della persona" alla voce "protezione civile" a parte il numero per le emergenze non troviamo nulla. Insistiamo e chiediamo spiegazioni all’assessore di reparto Ofelio Michielan che a sua volta con stupore scopre quanto sia macchinoso riuscire a districarsi nella matassa di informazioni del sito di Ca’ Sugana. Dopo tanto vagare ecco la tavola tre con la mappatura dei rischi. Di fatto praticamente impossibile accedervi: basta, si fa per dire, fare questa ricerca: andare sulle delibere on-line e cercare quelle del consiglio comunale riferite all’anno 2010 con la specifica in questione la numero 73 del 27 ottobre di ben sei anni fa. "Ricerca che oltre ad essere facilitata va anche semplificata perché"-, facciamo presente-, non si capisce niente". Ad esempio nel piano delle aree critiche non si capisce il distinguo tra quelle verdi e quelle gialle e se riferite alla pericolosità degli edifici strategici, come scuole, case di riposo, ospedale o riferiti ai capannoni industriali o chissà a cos’altro ancora. “E’ un piano redatto da uno studio esterno di ingegneri”, si affretta a precisare Michielan che però per la semplificazione del tutto non fornisce alcuna assistenza Quindi di seguito la promessa di rendere più fruibile ogni informazione pubblica sul rischio sismico presente nel territorio: "Entro settembre le migliorie con il nuovo piano"

ZAIA: «NO PROFUGHI A RESANA E ABANO»

  • 29.08.2016

No all’invio di profughi nei comuni retti da un commissario prefettizio, Resana, nel Trevigiano, e Abano nel Padovano. Il presidente del Veneto Luca Zaia la definisce una furbata ormai smascherata: ad inizio agosto la richiesta della Prefettura al Comune di Resana di concedere in comodato un’area comunale in via Ca’ Zanè per allestire una tendopoli dove accogliere i richiedenti asilo. Ora il timore che la medesima richiesta venga avanzata al commissario di Abano, con l’aggravante, dice Zaia, che si tratta di una località turistica. Ad Abano potrebbero essere impiegate ex caserme o strutture alberghiere dismesse, il commissario fa sapere che al momento richieste ufficiali non ce ne sono, ma non esclude che possano arrivare. L’ultimo dei tanti sfregi inflitti dal Governo alle comunità locali, rincara Zaia. Ma la Regione cosa potrebbe fare per evitarlo?

DALLE CASE DI RIPOSO L’INIZIATIVA “VEDETTE D’ARGENTO”

  • 29.08.2016

Altro che anziani inutili, peso della società da mettere in un angolo, da domani parte un’iniziativa dal nome esplicito: vedette. L’idea é di predisporre una procedura che tutti gli anziani potranno seguire per segnalare ogni situazione anomala che noteranno. Poche regole chiare da seguire per informare le forze dell’ordine senza esporsi a nessun pericolo. Sventare furti o aggressioni ma anche segnalare vicini che potrebbero avere problemi sanitari o segnalare possibili principi d’incendio con termini semplici e chiari. Terza età più utile che mai quindi anche per dare indicazioni su un passaggio pedonale che non serve o uno da realizzare o ancora sulla qualità dei servizi forniti sul territorio dalle istituzioni.

PROFUGHI A RESANA: “E’ UN BLITZ DELLO STATO”

  • 27.08.2016

Un esercito, si stima, di 300 nuovi profughi. Verranno accolti qui a Resana in via Ca’ Zane 24 nella tendopoli che verrà allestita in questo piazzale verde proprio accanto, o al alla baraccopoli già centro di prima accoglienza di extracomunitari. “Un blitz dello Stato”, così per l’ex assessore all’inserimento dei migranti Leopoldo Bottero che punta il dito contro la decisione del commissario Prefettizio che definisce, “Il braccio lungo del Governo”. “Forse se l’ex sindaco Mazzorato non fosse stato sfiduciato, non sarebbe arrivato il commissario prefettizio e di logica i profughi”, gli obiettano i detrattori Vero è che la decisione è stata presa; ma alla rassegnazione l’ex assessore risponde facendo opposizione “Praticheremo la resistenza passiva. Qui dice non staremo con le mani in mano non ci sarà nessuna tendopoli con impianto di illuminazione, riscaldamento e brandine, né la prevista fornitura di pasti con assistenza sanitaria e pulizia. I profughi qui non arriveranno mai”, annuncia Bottero

CASERMA SALSA DAI PROFUGHI AL FISCO E FINANZA

  • 27.08.2016

La conferma indiretta é arrivata dagli alpini; per il 2017 avevano chiesto l’intera struttura dell’ex caserma Salsa che invece potranno utilizzare solo nella parte di competenza dei vigili del fuoco. L’altra entro l’anno dovrebbe essere cantierata per la rivoluzione del sito da militare in disfacimento a palazzine delle istituzioni e non solo. L’indicazione da Roma é quella di risparmiare sui costi, ad iniziare dagli affitti e la risposta almeno per Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza sarebbe il trasferimento dalla cittadella dell’Appiani a quella di Piazza D’Armi. Una prospettiva già comunicata al comune che punta al maggior numero di riqualificazioni possibili in una città ancora colma di buchi neri. Che finanza e fisco all’Appiani siano in sofferenza spazi é cosa risaputa, ancora invece da calcolare cosa cambierà commercialmente con il trasferimento e soprattutto con questi spazi. 70 mila metri quadrati che in parte verrebbero riutilizzati dopo 16 anni di abbandono e incuria. Il progetto prevederebbe l’uso dell’ala che guarda Piazza Martiri di Belfiore e via Acquette con palazzine recuperate sia per gli uffici del fisco che per il Comando Provinciale della Guardia di Finanza. Quasi 10 i milioni di euro che sarebbero già a disposizione per una riconversione del piazzale per le adunate ad area verde mentre verrebbero abbattuti tutti i muri di recinzione creando un collegamento ad un ampio parcheggio interno che fungerebbe anche da scambiatore nel progetto della Treviso pedonalizzata.

LADRI AGLI ORTI URBANI PER FARSI LA PEPERONATA

  • 27.08.2016

Che negli orti urbani di Treviso ogni tanto ci scappi il furtarello di verdura o frutta non é fatto nuovo, che si arrivi alla razzia per farsi probabilmente la peperonata é un fatto decisamente insolito preoccupante e soprattutto avvilente per chi produce. Eppure é accaduto qualche sera o forse notte fa agli orti del S.Artemio dove sono sparite tutte le melanzane buona parte dei pomodori e qualche zucchina da ogni appezzamento in quella che ironicamente i derubati hanno chiamato la democratica razzia per la peperonata. I ladri della peperonata non sono però soli; agli orti sembra quasi ci sia una sorta di self service ladresco tra i 120 appezzamenti coltivati amorevolmente da altrettanti trevigiani. Insomma la situazione é diventata pesante al punto che qualcuno ha proposto le ronde serali, altri addirittura gli appostamenti notturni con fucili ad aria compressa caricati a sale, altri ancora un impianto di allarme collegato alle guardie notturne. Di tutto insomma pur di scoprire chi e’ che si porta via la roba. Di base c’é rabbia perché come nel caso della peperonata non c’é bisogno ma proprio la volontà di portarsi il frutto della fatica degli altri E alla disonestà si risponde con la legge.

LONGARONE, S.LUCIA, S.DONA’: NASCE “L’ASSE DEL PIAVE”

  • 26.08.2016

Altro che una zona espositiva unica come a Verona Vicenza o Padova, Treviso sta già pensando alla fiera diffusa. Ovvero più strutture di estensioni proporzionate che hanno un unico denominatore comune territoriale e molti buoni motivi per stare insieme. Ecco il perché di un possibile ente fiere del Piave tra Longarone, S.Lucia di Piave e S.Dona’. Ogni struttura dedicata a ciò che il territorio propone; ecco perché a Santa Lucia oltre alla millenaria fiera agricola a breve ci sarà quella internazionale dell’enologia. In questa prospettiva si cerca di guardare il meno possibile ai campanili. In questo scatto d’orgoglio il sindaco se la prende con lo storico Ulderico Bernardi. A questa lista di fiere diffuse però manca Godega e anche qui Szumski non le risparmia al sindaco Bonet

PROVINCIALI: PRONTE LE LISTE DELLE NUOVE ELEZIONI

  • 26.08.2016

Assume sempre più le dimensioni della sfida politica che non amministrativa la prima elezione della provincia di Treviso come assemblea dei sindaci. 1269 gli elettori, tra primi cittadini e consiglieri comunali, con esclusione di Resana commissariata, dovranno dare il proprio consenso ad uno dei nomi nelle liste che si stanno mettendo a punto in queste ultime ore. L’altra sera la chiusura della squadra del Pd legata alla candidatura del sindaco di Treviso Giovanni Manildo. Tra i nomi semplici consiglieri come Antonella Tocchetto e primi cittadini di comunità di peso come per Vittorio Veneto con Roberto Tonon che non teme il superlavoro del possibile doppio incarico di sindaco e consigliere delegato, nuova definizione dello storico assessore. A questa lista sempre a sostegno di Manildo si affiancherà quella dei sindaci civici anche qui con semplici consiglieri come Sossio Vitale o sindaci come Moreno Rossetto di Breda. Due compagini che si confronteranno molto probabilmente con un’unica lista di centro destra con Stefano Marcon sindaco di Castelfranco come candidato presidente. Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia a i conservatori e riformisti di Remo Sernagiotto riuniti ieri avrebbero già definito i nomi. Per la Lega tutti sindaci, come Domenico Presti di Arcade o Angela Colmellere di Miane. Consiglieri per Forza Italia, così come per il partito della Meloni e quello di Fitto. Voteranno tutti il 18 settembre e sarà un test per capire la forza della lega nei comuni ma anche il gradimento del sindaco Manildo nei tre anni di questo primo mandato. Indicazioni importanti per il futuro delle elezioni a Conegliano il prossimo anno e nel capoluogo nel 2018 anche se dalla città del Cima, primo test politico nella nuova provincia, non ci credono molto.

PROFUGHI SPACCIATORI, “TREVISO BENE” I GIOVANI CLIENTI

  • 26.08.2016

Li tenevano d’occhio da tempo da quando uscivano dall’ex Serena, stazionavano ai giardinetti di S.Margherita o di Porta Altinia fino a quando rientravano nel centro di accoglienza profughi. Tre 20 enni tutti dal Gambia che hanno pensato bene di ingannare il tempo in attesa dello status di rifugiato spacciando droga. Pensavano di poter agire indisturbati portandosi le dosi nelle mutande per poi consegnarle ai giovani e giovanissimi della Treviso bene e non solo. Li tenevano d’occhio, dicevamo, il gruppo di carabinieri in borghese che hanno in carico il controllo discreto dei migranti quando sono fuori dalla ex caserma. E nel momento dello scambio hanno fermato tutti, spacciatori e clienti. I primi hanno rimediato una denuncia in Procura ma, al momento, nessun decreto di espulsione, mentre i secondi sono stati segnalati alla Prefettura e consegnati ai genitori. Con questo caso salgono a 7 i richiedenti asilo alle Serena diventati spacciatori. Ca’ Sugana conferma un ulteriore giro di vite sui controlli ma contemporaneamente chiama in causa il Prefetto Lega che ha promesso una commissione anche a Treviso. Promessa al momento non mantenuta.

ALPINI RICHIAMATI A TREVISO: MANCA DESTINAZIONE PER TENDOPOLI

  • 25.08.2016

Sono stati bloccati a Ferrara. Contrordine si torna indietro. La colonna di mezzi messi a disposizione dagli alpini della Marca appena superato il Po ha dovuto fare marcia indietro e rientrare a Treviso senza raggiungere i luoghi devastati dal sisma che ha messo in ginocchio il centro Italia. Tutto era pronto già a poche ore dalla notizia del dramma che aveva colpito i comuni di Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto. Gli alpini trevigiani in fretta e furia avevano smantellato le tende appena montate in vista della festa della sezione a San Pelajo, caricato il convoglio e preparato la partenza, ma poi una volta in strada sono stati richiamati senza spiegazioni. Proprio la mancanza dell’individuazione di un’aerea adatta ad allestire la tendopoli sarebbe il motivo del dietro front della colonna mobile. Un dettaglio non da poco, che fa riflettere sull’organizzazione della macchina degli aiuti, molti gli alpini costretti ora a rimanere in stand by fino a nuovo ordine, che però potrebbe arrivare presto. La nuova partenza della spedizione, che questa volta si spera giunga a destinazione, dovrebbe essere prevista per lunedì o al massimo martedì della settimana prossima.

PROFUGHI A LE STIORE: FACCIA A FACCIA RESIDENTI E COOP

  • 25.08.2016

Un faccia a faccia infuocato che ha messo a confronto i residenti del condominio le stiore con il presidente della cooperativa che gestisce 8 profughi ospitati all’interno di un appartamento. Tutto è partito da un servizio di rete veneta che aveva raccolto la testimonianza di un condomino preoccupato per il degrado in cui versa il palazzo di piazzale pistoia con sacchi della spazzatura, carrelli della spesa e cumuli di indumenti abbandonati negli androni del palazzo. Oggi davanti all’amministratore di condominio hanno chiesto spiegazioni. Dalla cooperativa è arrivata la rassicurazione che il numero dei profughi non aumenterà, all’interno ci sono 8 migranti che sono arrivati in Italia nel giugno del 2015 e che hanno fatto richiesta di asilo politico.

VENDEMMIA 2016: AUMENTO DEL 7% NELLA MARCA

  • 25.08.2016

Quella del 2016 sembra un’annata iniziata sotto una cattiva stella, le piogge intense a maggio e giugno sembravano aver compromesso la produzione di uva nei vitigni veneti, ma poi i periodi asciutti a luglio e le temperature miti di agosto hanno invertito la tendenza, confermando la buona qualità delle uve venete. In aumento soprattutto la produzione di uva a bacca bianca, tra queste il prosecco. Ulteriore incremento del 7% in particolare di Glera e Pinot. Secondo i dati di Veneto agricoltura si stima che in provincia di treviso, che con verona fa la parte del leone, la produzione totale raggiunga i 5 milioni 643 mila quintali di uva di cui 5 milioni a bacca bianca e i restanti a bacca nera.

«LA MARIJUANA INTACCA LA CORTECCIA CELEBRALE»

  • 25.08.2016

E’ la reazione del cervello all’utilizzo della marijuana, descritta dal responsabile del servizio emergenza tossicodipendenze dell’Ulss 9 alla Madonnina. Una risposta a chi in parlamento e non solo richiede la liberalizzazione delle droghe leggere. Cannabinoidi che , stando alle esperienze del Sert trevigiano, cambiano letteralmente la vita a chi li assume. E tra i dati sulle dipendenze a sorpresa si scopre che nella marca torna di moda l’eroina. Tra i casi segnalati al Sert anche i maniaci dei Pokemon; giovani ma anche tanti adulti presi dalla febbre per l’ultima invenzione digitale che non credono di essere dei tossicodipendenti del virtuale ma che in realta’ sono drogati di mostriciattoli da telefonino.

SISMA: PARTITI GLI AIUTI ANCHE DALLA MARCA

  • 24.08.2016

Drammatico il bilancio delle vittime sotto le macerie del sisma che ha colpito buona parte dell’Italia centrale appenninica; con il numero dei morti che purtroppo cresce di ora in ora. disposto dal presidente della Regione del Veneto Luca Zaia l’invio di una colonna attrezzata della Protezione Civile e Vigili del fuco anche dalla Marca; per collaborare con le Regioni interessate nel portare soccorso alle popolazioni colpite. La quadra Usar specializzata in ricerca di persone sotto le macerie e che in Abruzzo, nel sisma del 2009. Hanno estratto una ragazza viva dopo 42 ore Partiti anche un’80ina di alpini dalle colonna mobile dell’Ana del centro logistico di Motta di Livenza insieme a una decina di mezzi del 3° raggruppamento protezione civile per allestire un campo da 250 posti, completo di cucine, brande, tende e servizi accessori. Aiuti che si moltiplicano in appoggio ai tanti soccorritori presenti Quella di adesso soltanto la prima fase dell’emergenza.

«PERDE PEZZI L’EDIFICIO PERICOLANTE DI VICOLO FIUME»

  • 24.08.2016

In mano un pezzo della trave staccatasi dall’edificio pericolante di fronte casa e che si è ritrovato nel giardino con il temporale dei giorni scorsi Vicolo Fiume, a S. Lazzaro alle porte di Treviso. il rischio di crollo di questa struttura non è solo un’ipotesi visto il cedimento di pezzetti di soffitto e intonaci soltanto pochi giorni fa. La struttura continua a perdere pezzi tra travi marce e calcinacci che si staccano qua e là; il soffitto come si vede dalle immagini è già ceduto su se stesso; tutto questo proprio a due passi dalla scuola elementare con il passaggio continuo di bambini che a breve riprenderanno le lezioni e con mamme e papà che parcheggiano l’auto proprio sotto i ponteggi pericolanti, ci dicono i residenti con Giancarlo Guolo. Insomma il rischio è evidente e i residenti stanchi del temporeggiare di Ca’ Sugana chiedono intervenga con i legittimi proprietari affinché si provveda al restauro o se necessario all’abbattimento, suggerisce Armando Faggian. Residenti che chiedono interventi urgenti per prevenire l’irreparabile

SIRINGHE USATE AL PARCO DELLE FOSSE ARDEATINE

  • 24.08.2016

Ecco le siringhe usate trovate al parco delle fosse Ardeatine, laterale di Treviso tra il Terraglio e via Ciassi. Il degrado a pochi metri dai giochi per i bambini e dalle panchine. La segnalazione durante una passeggiata, appena tre giorni fa, direttamente dal consigliere leghista Giancarlo Da Tos. E da subito con il ritrovamento delle siringhe il panico tra gli abitanti della zona che indicano il giardino pubblico come ritrovo anche dei soliti sbandati. In effetti mentre stiamo filmando ci avviciniamo a questo ragazzino di colore che sta tirando su una canna. E’ pericoloso qui, gli chiediamo? “Ci giocano i bambini”, ci dice nascondendo la roba con la mano sinistra. Non sono nemmeno le 3 del pomeriggio

ZAIA: «PROFUGHI FANTASMI? CONTROLLI IMMEDIATI»

  • 23.08.2016

Superano quota 2mila i profughi ospitati nella Marca che nell’accoglienza veneta risulta terza soltanto a Padova con 2175 migranti e Verona con 2127 richiedenti asilo; report del Ministero dell’Interno datato 4 agosto corrente. Si è passati da un immigrato ogni 3mila abitanti del 2011 agli attuali di 25 ogni mille; e il prossimo anno secondo stime potrebbe essere di 50 immigrati ogni mille abitanti. Fenomeno che per il governatore veneto Luca Zaia "si sta aggravando sempre più e che mette in risalto le lacune politiche centrali ed europee". Governatore che dopo il nostro servizio denuncia di ieri sulla casbah di Treviso interviene sui profughi cosiddetti invisibili "Immediata-, dice Zaia,- l’ispezione di vigili e Ca’ Sugana al grattacielo di piazzale Pistoia". "Grave,- dice oggi,- che alle denunce dei condomini non siano già avvenute le opportune verifiche delle autorità competenti". L’invito a sindaco e vicesindaco da parte della Lega cittadina, con il capogruppo ai Trecento Mario Conte, per un imminente sopralluogo muniti di elenco prefettizio dei nomi e cognomi dei profughi censiti nel condominio in questione

IL PD IMPONE A MANILDO LA CORSA PER IL S.ARTEMIO

  • 23.08.2016

I giochi erano già fatti e il presidente doveva essere bipartisan Marzio Favero. Poi la Lega ha scelto il sindaco di Castelfranco e d’un tratto la Provincia é diventato il banco di prova per Giovanni Manildo. Sindaco di Treviso che non vuole fare il presidente ma che al partito ha detto obbedisco. Perché se vince, é l’ipoteca per un secondo mandato a Ca’ Sugana, se dovesse perdere anche in comune a Treviso verrebbe messa in discussione la leadership a favore di altri nomi per le prossime comunali come quello dell’assessore Paolo Camolei solo per citarne uno. Ecco perché al di là dell’onere certamente gravoso che si somma a quello già impegnativo per Treviso l’elezione del 18 settembre e’ da ieri diventata l’ennesima sfida politica tra centro destra e centro sinistra. E tutto perché la Lega ha preferito Stefano Marcon a Marzio Favero. Banco di prova per il Pd e Manildo ma banco di prova anche per il centrodestra Intanto però Manildo incassa il gradimento di una 30ina di sindaci civici. Intanto c’é la corsa per la chiusura di lista minimo 8 nomi e firme, 190 a sostegno dei candidati che tra l’altro non é detto che rimangano due.

ALPINI:NIENTE CALMAGGIORE PER L’ADUNATA NAZIONALE

  • 23.08.2016

Niente Calmaggiore e piazza dei signori nella sfilata degli alpini di maggio 2017. A confermarlo oggi il comitato organizzatore che sta procedendo senza sosta alla realizzazione dell’evento previsto dal 12 al 14 maggio. Non sembra ma e’ continua l’attività delle penne nere che hanno già riaperto e reso riutilizzabile parte della caserma Salsa, perché per l’altra é già previsto un cantiere a breve, hanno ripulito l’ex provveditorato di via S.Pelaio che sarà il centro direzionale della manifestazione e stanno programmando ogni singolo passaggio della tre giorni dov’é prevista la presenza di oltre 500 mila persone. Ecco perché é coinvolta tutta la Marca con prenotazioni che hanno già esaurito le disponibilità dell’intera provincia di parte del veneto ma anche del vicino Friuli con partecipanti che alloggeranno lungo il litorale da Chioggia a Lignano. Un fine settimana dove soprattutto i residenti in centro dovranno armarsi di pazienza. E, se come dev’essere, la sfilata sarà a Treviso per la prima volta nella storia degli alpini l’alza e l’ammaina bandiera ufficiale sarà quadruplicato Intanto questo fine settimana l’appuntamento è con la festa della sezione nella sede di san Pelaio e il 3 settembre il secondo appuntamento diffuso dopo la cerimonia di luglio a Pianezze.

«A LE STIORE LA CASBAH CON I PROFUGHI INVISIBILI»

  • 22.08.2016

Il condominio de le Stiore; a guardarlo con il naso all’insù, per tutti è il grattacielo di piazzale Pistoia, ma per gli altri, i residenti questa è la casbah di Treviso. il perché lo si vede da qui al piano interrato, dove la spazzatura anziché nei bidoni è sparsa ovunque per terra; nel box auto al posto della macchina questi grossi sacchi neri aperti e ricolmi di vestiti, indumenti, scarpe e chissà cos’altro ancora. Abbandonato accanto un carrello della spesa, con impilate una sull’altra cassette in legno della frutta. Immagini che non raccontano però la puzza e l’odore nauseabondo che si sprigionano da qui. Il perché della casbah lo racconta anche questo condomino, Umberto pensionato con 400 euro di rendita mensile. Qui ci sono i profughi cosiddetti invisibili, ci dice raccontando di afgani e pakistani con permesso turistico scaduto e che adesso in un ricambio continuo di gente che va e viene avrebbero fatto richiesta di asilo politico da questo quarto piano con tenda blu e coperta appesa. Affittato sembrerebbe a una cooperativa che già si occuperebbe di profughi e che li ospiterebbe anche qui; "sono almeno 10 nei 110 metri quadrati di appartamento, con tre stanze e un solo bagno". “La situazione qui nella casbah è arriva al limite”, avverte il pensionato. "Finirà che dovremo difenderci da soli, e questo non è certo auspicabile", conclude.

DOPO LA BOMBA D’ACQUA A VAZZOLA PIOVONO POLEMICHE

  • 22.08.2016

Ecco spiegato perchè la domenica di chi vive a Visnà di Vazzola si è conclusa a tarda notte e con cantine, garage e scantinati in ammollo. Non era mai accaduto in queste zone dove il terreno ghiaioso del Piave in genere assorbe anche grandi quantità d’acqua. Tutto in meno di un’ora con una vera a propria bomba d’acqua che ha lasciato subito dopo sotto un cielo sereno decine di famiglie all’opera per tutta la serata e ancora nella mattinata di oggi. Sotto il sole di oggi sembra quasi non sia accaduto nulla tanto veloce è stato il lavoro di ripristino dell’intera comunità che ora cerca di capire quali siano le responsabilità. Poi ci sono le polemiche legate all’azione della protezione civile che qualcuno ha definito a scoppio ritardato con le pompe che sarebbero rimaste in magazzino.

LA TRUFFA INPS A PRETI E SUORE VIA TELEFONO

  • 22.08.2016

Si sono finti dei dirigenti dell’Inps di Treviso chiedendo al telefono a due strutture religiose della città 2500 euro come spese legali sulla pensione di invalidità realmente richiesta rispettivamente da un prete dei Carmelitani Scalzi di Viale Oberdan e da una delle Suore Francescane della casa di riposo di Borgo Cavour Ad incastrare i due finti ispettori inps entrambi siciliani di 37 e 45 anni, la denuncia di Aurelio Schiavinato direttore dell’istituto religioso Carabinieri che hanno rintracciato i due truffatori proprio grazie al numero di conto corrente e al telefonino entrambi intestati ai truffatori; con il 37enne purtroppo latitante e il 45enne già in carcere a Siracusa per reati predatori. Con i militari che invitano chiunque, anziani compresi, a segnalare ogni situazione, volto o accadimento sospetto anche con una semplice telefonata . l'appello del Capitano Stefano Mazzanti, Comandante della Compagnia Carabinieri di Treviso

«PROFUGHI A LE GRAZIE? SARA’ INSURREZIONE»

  • 20.08.2016

«I profughi verranno accolti qui, tra ottobre e novembre. Nelle 50 stanze dell’albergo di via Teotochi, costruito e abbandonato da sempre e proprio in mezzo a ville e villette con tanto di parco pubblico», ci dicono i residenti di località Le Grazie a Preganziol. L’albergo affaccia quasi sul Terraglio dal lato opposto del piccolo santuario della Madonna delle Grazie; e proprio a una grazia si appellano i residenti , da tempo già costretti a barricarsi in casa "perché tenuti sotto scacco da prostitute e spacciatori che popolano la zona", dicono In effetti nel verde tutt’attorno all’albergo i segni del passaggio di lucciole e sbandati tra profilattici, lattine e bottiglie vuote di birra; e se il sindaco Paolo Galeano giura di non saperne niente dell’imminente arrivo dei migranti aggiunge anche di "non potersi opporre alle eventuali scelte della Prefettura" Le stanze per accogliere i profughi sarebbero già pronte: al piano superiore con balconcino vista campi; differenziate ai piani terra: con moquette da una parte o, a scelta, pavimento in ceramica dal lato opposto Nell'albergo abbandonato il campanello ancora suona e "a rispondere alla chiamata da questo autunno i profughi", giurano disperati i residenti pronti a moblitarsi a mo’ de "le cinque giornate di Milano", promettono.

SPRESIANO: ANCHE IL PARROCO ALLA RONDA ANTI LUCCIOLE

  • 20.08.2016

Anche il parroco di Visnadello ha partecipato ieri sera alla terza passeggiata antilucciole sulla Pontebbana. Una iniziativa che il sindaco Marco Della Pietra sta portando avanti sulla spinta delle tante richieste dei cittadini che mal sopportano la presenza sempre più fitta delle belle di notte lungo la statale. In alcuni punti discrete in altri come nelle piazzole dei distributori sfrontate, per i cittadini le prostitute in strada sono la dimostrazione di un dato di fatto e di un fallimento. Il primo che è volenti o nolenti un fenomeno radicato da sempre nella società, il secondo che ogni tipo di repressione dello stato ad iniziare dalla legge della veneta Tina Merlin ha solo incentivato lo sfruttamento e il finanziamento dell’illegalità. Da qui la protesta pacifica dei cittadini guidata dal loro sindaco. Ma il parroco pur condividendo l’iniziativa, di case chiuse proprio non vuol sentir parlare. Presenza che ha dimostrato che comunque di prostituzione si deve quantomeno discutere.

BIMBO DI 4 ANNI PRECIPITA DA 10 METRI: E’ GRAVISSIMO

  • 19.08.2016

Le grosse tracce di sangue e la ciabattina persa (01.24) nella terribile caduta dopo un volo di oltre 10 metri, i segni della tragedia. E’ gravissimo il bimbo di appena quattro anni, caduto questo pomeriggio da questa finestra con le tende blu al terzo piano di casa sua alle Stiore, a Treviso. Nessuno avrebbe visto nulla, a parte Nisal questo ragazzo indiano, di professione cuoco. Alle 15 è uscito di corsa dalla cucina al pianoterra del ristorante dove lavora. “Il tonfo sordo e poi le urla strazianti di una madre sporca intrisa del sangue del suo piccino”, racconta ancora tremante e sotto shock. Il bimbo, di origine nigeriana, in compagnia della sorellina di appena un anno più grande e di altre persone non si sa come sia riuscito a sfuggire al controllo della mamma, a prendere probabilmente una sedia, salirci sopra e cadere o, a essersi sporto troppo ma non si sa bene come. Tantissime le ipotesi mentre nel palazzo tutti i condomini, custode compreso, sono in forte agitazione per la salute del piccolo L’unica certezza ora è che il bimbo sta lottando tra la vita e la morte in ospedale a Treviso. Al vaglio della polizia scientifica la dinamica di quanto successo tra le mura del terzo piano, lato B del condominio di Piazzale Pistoia

CAERANO: DI NOTTE AVVENTORE, DI GIORNO RAPINATORE

  • 19.08.2016

La sera prima sei un avventore il giorno dopo un rapinatore. Potremmo intitolare cosi quanto accaduto questa mattina a Caerano al bar “Ae Poste”. E’ il bar della piazza apre alle sei e anche oggi la ragazza ha puntualmente tirato su la saracinesca facendo entrare i primi mattinieri avventori. Pochi minuti dopo l’arrivo di un individuo con un giubbotto di jeans e una sciarpa attorno alla testa. In mano un coltello e una richiesta perentoria, dammi i soldi della cassa. Solo che l’uomo, un 40 enne è uno dei soliti frequentatori del locale riconosciuto subito dai presenti più convinti di uno scherzo che di una rapina vera e propria. Del resto il quarantenne che vive dall’altra parte della piazza con il fratello e’ uno dei casi seguiti dai servizi sociali e dall’Ulss. Non disadattati ma una famiglia della zona dove in pochi anni sono venuti a mancare i genitori. Lui, persona mite, al massimo aveva alzato il gomito qualche volta, ma mai un gesto veramente fuori posto come oggi. E quando gli hanno detto «ma cosa fai levati la sciarpa dalla testa che ti bolle il cervello» lui ha ribadito la richiesta facendo scappare la barista. A quel punto si e’ servito del contante, circa 200 euro poi ha salutato ed e’ tornato a casa dall’altra parte della strada. E li l’hanno trovato poco dopo i carabinieri con i soldi, restituiti al bar la sciarpa e il giubbotto di jeans che invece si e’ portato a santa Bona dove presumibilmente passerà il fine settimana. Forse il proprietario del bar vista la situazione cercherà di sorvolare perché in fondo per un folle gesto da rapinatore alla fine ci rimette pure lui un avventore.

TASSE, “RACCOMANDATE” PER OLTRE 50 MILA TREVIGIANI

  • 19.08.2016

Raccomandate dall’agenzia delle entrate per oltre 50 mila trevigiani. Sono in arrivo da settembre quando finirà la tregua tra fisco e contribuenti indetta dal governo per l’estate. In ballo ci sono 15 miliardi di evasione che il ministero vuole assolutamente recuperare. Così i trevigiani, col resto degli italiani, al ritorno dalla vacanze, si troveranno setacciati per le dichiarazioni del 2012, per gli studi di settore dal 2012 al 2014, troveranno dei verbali per contestazioni fiscali, ma soprattutto, e questo riguarda in particolare i cittadini meno abbienti, le raccomandate relative alle dichiarazioni dei redditi precompilate ovvero il 730 facilitato. Cose da mal di testa a pensarci bene anche se, è bene sottolinearlo, qui non si parla di cartelle esattoriali, ma di comunicazioni preventive. Comunque una risposta bisognerà fornirla all’ufficio entrate, tra l’altro anche in tempi brevi. Tutto chiaro? Non proprio tant’è che, contro la burocrazia e dopo il flop dell’autodichiarazione, meglio lasciar perdere il fisco fai da te.

NEWS TG VENEZIA

DEGRADO A VENEZIA, ZUIN: "SUPERATO OGNI LIMITE"

  • 22.08.2016

Durante l’estate i turisti, a Venezia, danno il meglio di sé. Anzi, il peggio. Non basta più ormai farsi il bagno nel canal grande, mangiare seduti per terra o girare in costume, ora c’è chi non riesce ad aspettare di poter trovare una toilette e fa i bisogni direttamente dove capita. Se qualche giorno fa, infatti, ha fatto il giro del web la foto della donna che noncurante di tutto si era abbassata i pantaloni a pochi passi da San Marco per soddisfare i propri bisogni fisiologici, domenica pomeriggio un’altra donna è stata fotografata mentre si appartava in un angolo a Punta della Dogana per fare pipì. Eccola: l'immagine immortala chiaramente una donna di spalle, probabilmente di mezza età, in un atteggiamento che non lascia spazio a equivoci. Ma il degrado, nel fine settimana, si è esteso a tutta Venezia. Alcuni visitatori, probabilmente per non pagare una tariffa troppo alta in uno dei tanti hotel lagunari, hanno ben pensato di accamparsi con le tende sotto al portico della Chiesa dei Tolentini, un luogo evidentemente ritenuto ideale per riposare le stanche membra. «Ne parleremo con il sindaco al rientro dalle ferie. Ma lo dico con molta chiarezza: si è superato ogni limite!» ha commentato l’assessore al bilancio Michele Zuin. «Di certo- sottolinea- anche in considerazione di quanto sta accadendo sarebbe opportuno, una volta di più, che si chiarisse la vicenda del Patto di stabilità: se vi fosse uno sblocco da parte del Governo saremmo in grado di assumere quei 70 vigili in più anche in funzione anti-degrado. Lo Stato dovrebbe decidere anche in virtù di quanto sta accadendo a Venezia e non solo».

LADRA OFFRE SESSO A UN ANZIANO POI LO DERUBA

  • 22.08.2016

Martellago. Domenica mattina i carabinieri di Mestre hanno ricevuto la segnalazione di un 70enne, che riferiva di essere stato derubato di due anelli d'oro da una donna straniera nel parco "Laghetti". L’uomo ha detto di essere stato approcciato in modo amichevole ma deciso dalla giovane, che si era finta interessata a un rapporto sessuale con lui nel parco. I militari hanno iniziato a cercarla e poco dopo l’hanno bloccata e perquisita. Aveva ancora la refurtiva. E’ stata arrestata per furto aggravato.

PROFUGO OSPITE DELLA CROCE ROSSA VENDEVA MERCE CONTRAFFATTA

  • 22.08.2016

Jesolo. Durante un’ attività di controllo del territorio e di lotta al commercio abusivo la polizia locale ha denunciato cinque persone e sequestrato tremila oggetti. Spicca il caso di uno dei richiedenti asilo politico, ospite alla Croce Rossa, sanzionato per commercio abusivo. Oltre a lui due persone sono state deferite per resistenza a pubblico ufficiale e due perché trovati senza documenti e irregolari sul territorio nazionale.

DIPENDENTI COMUNALI PROTESTANO IN CONSIGLIO

  • 14.07.2016

Proteste, ancora una volta, in occasione del consiglio comunale. I dipendenti si sono riuniti nel primo pomeriggio davanti al municipio per chiedere alle forze politiche, locali e nazionali, di impegnarsi sulle modifiche al decreto legge "enti locali" in discussione alla Camera dei deputati. Secondo Fp Cgil, infatti, il testo attuale non risolve in alcun modo i problemi di Venezia. E’ stato un rappresentante della Rsu ad aprire la seduta del consiglio comunale invitando a prendersi carico delle problematiche dei dipendenti.

PARTORISCE DA SOLA IN CASA

  • 14.07.2016

Ha partorito sola in casa con l’aiuto di un operatore del 118 specializzato in casi di emergenza come questo. La donna, sola in casa, quando ha iniziato sentire i primi dolori ha avvisato i sanitari che hanno dirottato immediatamente un’ambulanza sul posto. Il bimbo però non ha voluto aspettare ed è venuto al mondo prima dell’arrivo di una zia e dei medici. La mamma è riuscita nell’impresa da sola. la donna e il piccolo, di 2 chili e mezzo, provati sono stati portati in ospedale a Chioggia per dei controlli, ma stanno bene.

L’EUROPA: SPIAGGE SUBITO ALL’ASTA

  • 14.07.2016

Terremoto, provocato dalla Corte di giustizia europea, si abbatte in piena estate sui titolari di tutte le spiagge del litorale veneziano. I giudici europei hanno, infatti, stabilito che le concessioni sulle spiagge italiane vanno messe a gara, annullata la proroga automatica e generalizzata fino al 31 dicembre 2020. “Si tratta per ora di un parere e non di una sentenza - ha spiegato il sindaco di Jesolo Zoggia - Quindi cerchiamo di non fasciarci la testa prima del tempo. Il sentore che il parere dell’avvocato generale fosse di questo tenore era già abbastanza noto” “Il Comune - continua - fornirà la massima collaborazione a Regione e Governo per sostenere e tutelare prima di tutto le nostre imprese e le aziende che già operano a Jesolo”. Le conclusioni non sono vincolanti ma generalmente vengono poi riprese dalla sentenza che verrà emessa dalla Corte.

MARGHERA: ANZIANA TRUFFATA DA FINTI VIGILI

  • 14.07.2016

Continuano le truffe ai danni degli anziani. In questo caso è toccato a una 90enne che abita nella zona di piazzale Emmer. Tre finti vigili, muniti di tesserino fasullo, hanno suonato a casa dell’anziana dicendo di aver recuperato la refurtiva di un furto e di voler controllare se nell’abitazione non fosse sparito nulla. La donna in confusione gli ha fatti entrare e mentre uno le parlava gli altri hanno arraffato 350 euro e una collana d’oro. Poi sono fuggiti.

RIVIERA: NIENTE TASSE A CHI HA INVESTITO PER LA RICOSTRUZIONE

  • 08.07.2016

Otto Luglio 2015. Ore 17:30. Un tornado di fortissima intensità si abbatte sulla Riviera del Brenta attraversando Mira, Dolo Cazzago e Sambruson . La sua forza è devastante, il quinto livello sui sei complessivi della scala Fujita, quella che dagli anni ’70 classifica la violenza dei tornado in base ai danni inflitti a strutture costruite dall’uomo. Un morto, 72 feriti, centinaia di sfollati e tantissimi danni. Ad un anno da quel tragico giorno è tempo di bilanci e di considerazioni. La Riviera si è alzata, soprattutto grazie alla tenacia dei suoi abitanti. Ma ci sono altri problemi che non hanno a che vedere con la furia della natura ma con le contraddizioni del nostro sistema fiscale. Bruno Cavalletto, titolare a mira di un’officina meccanica, un milione di euro di danni e il capannone completamente sventrato dal tornado, rimessa in piedi grazie allo sforzo comune di tutti i dipendenti, è l’emblema di queste difficoltà. Gli imprenditori colpiti dal tornado viaggiano su un auto della ricostruzione che marcia con il freno a mano tirato. La richiesta è che chi ha investito nella ricostruzione non debba pagare le tasse sui costi sostenuti.

LA TETTOIA CEDE, 63ENNE CADE AL SUOLO

  • 08.07.2016

Oriago. Attimi di panico in via lusore. Un 63enne si trovava sopra il capanno degli attrezzi adiacente alla sua abitazione, quando la tettoia ha ceduto facendolo precipitare al suolo da due metri di altezza. Sul posto è giunta l’ambulanza. Per il 63enne, diversi traumi dovuti alla caduta, ma è comunque trasportato al pronto soccorso per le cure del caso. Sul posto anche i vigili del fuoco, i carabinieri e gli ispettori Spisal dell'Ulss 12.

SORPRESI CON FORBICI, PADRE E FIGLIO DEFERITI

  • 08.07.2016

Cavallino. Si aggiravano con fare sospetto a bordo di due biciclette. I carabinieri hanno deferito all'autorità giudiziaria un padre 38enne, già noto alle forze dell’ordine, e il figlio non ancora 18enne, in possesso di tre forbici da elettricista, utilizzate per forzare serrature delle porte. Secondo la ricostruzione dei militari i due avrebbero preso a noleggio le le bici a Jesolo, per poi recarsi a Cavallino e mettere a segno qualche colpo.

RITROVATE DIECI MOLOTOV NEL CANTIERE DEL MOSE

  • 07.07.2016

Dieci bombe molotov sono state trovare all’interno del cantiere del Mose davanti alla diga di porto di Malamocco, agli Alberoni. La scoperta, fatta venerdì mattina da parte di alcuni lavoratori delle ditte che lavorano nel cantiere, ha fatto scattare l’allarme e sul posto sono arrivati i carabinieri. Del ritrovamento ora se ne sta occupando l’antiterrorismo, l’indagine è coordinata dal Procuratore Adelchi D’Ippolito. La zona del ritrovamento è raggiungibile solo via acqua, le bottiglie sono state lasciate di notte. Proprio in giornata è iniziata la deposizione davanti ai giudici del tribunale di Venezia di Piergiorgio Baita. Il principale testimone d’accusa nell’inchiesta sullo scandalo Mose ha ribadito al pubblico ministero Stefano Ancillotto come Mazzacurati fosse il padrone del Consorzio Venezia Nuova asservendo allo stesso le varie aziende. Baita ha quindi confermato come per partecipare ai lavori bisognasse dare il 12% degli utili e restituire circa il 50% del denaro ottenuto dal Consorzio in lavori. Tutti fondi per creare 'nero' che sarebbero serviti a Mazzacurati per "acquisire consenso" sul fronte politico. Da qui, i finanziamenti illeciti per che hanno portato tra gli imputati molti politici. Sul fronte operativo intanto l’iter per la costruzione delle dighe mobili rischia di subire un pesante stop. Le società incaricate dei lavori infatti non sarebbero in regola rispetto alla legge sulle certificazioni obbligatorie antimafia. La Prefettura avrebbe avvisato i tre commissari che gestiscono il Consorzio Venezia Nuova dell'impossibilità di proseguire con i cantieri.

MARGHERA. UN APPELLO CONTRO IL DEGRADO ALLE VASCHETTE

  • 07.07.2016

Alle Vaschette a Marghera si attende un intervento di riqualificazione in grado di strappare questa zona da un degrado che aumenta ogni giorno. A lanciare un appello per il recupero dell'area l'associazione AIRIS. Di progetti in realtà ne esisterebbero: è il cosiddetto progetto porta sud che qui prevedeva l’abbattimento di 11 edifici da sostituirsi con nuove abitazioni, un parco e una piscina dopo un intervento di bonifica dell’area. Tutto si è fermato con l’ultimo edificio da abbattere, che ancora lì in piedi. Sempre più nascosto tra la vegetazione. E’ il numero 101 di via Pasini. Lo scoglio su cui si è arenata l’intera operazione. Di fronte al palazzo all’angolo tra via Pasini e via Bottenigo il monumento all’ingegnere Giuseppe Taliercio, il dirigente della Montedison rapito dalle Brigate Rosse, che proprio qui nel Luglio del 1981 fecero ritrovare il cadavere. Difficile che qualcuno lo veda. Questa non è più una zona per fare passeggiate. Somiglia sempre più a una terra di nessuno. Tra spaccio e prostituzione - raccontano i residenti - l’area è sempre più fuori controllo. La trascuratezza dell’area è totale. Quello che potrebbe apparire con appena un minimo di manutenzione un bel viale alberato versa in una condizione di totale abbandono. L’appello è alle istituzioni, a partire dal Comune perché si sblocchi la situazione al più presto.

RIFIUTI, IL PREFETTO CHIEDE REVOCA SCIOPERO

  • 07.07.2016

L’astensione dal lavoro comporterebbe un pregiudizio grave ai diritti della persona tutelati dalla Costituzione”. Il prefetto di Venezia si mette di traverso sullo sciopero dei rifiuti, programmato per l’11 e 12 luglio prossimi. I dipendenti del settore, infatti, andrebbero a scioperare nelle 48 ore successive alla fine del weekend, una situazione non certo sostenibile, dal momento che anche nei giorni precedenti la raccolta dei rifiuti sarebbe ridotta se non totalmente assente. La circostanza risulterebbe improponibile per il pubblico decoro, con i rifiuti di 4 giorni che si troverebbero ammassati, senza nessun operatore a raccoglierli.

CHIOGGIA. AUTO CONTRO MOTO: UN MORTO

  • 07.07.2016

A due giorni dallo schianto mortale costato la vita al padre di due bambini, un altro incidente in Romea, questa volta a Sant’Anna. Un motociclista clodiense 50enne è infatti morto poco dopo le 2 del pomeriggio nello scontro frontale con un’auto. Sul posto i mezzi di soccorso e il 118. Il medico rianimatore però non ha potuto far altro che constatare la morte sul colpo dell’uomo in sella alla moto. Pesanti i disagi per il traffico. Nell'incidente mortale di lunedì era morto Emanuele Cuchetti, 44 anni, padre di due figli, agente di commercio, che stava rientrando a casa dopo il lavoro. L'incidente era stato provocato dall'invasione di careggiata da parte di una Mercedes.

JESOLO. NONNA E NIPOTINI NEL CANALE CON L’AUTO

  • 07.07.2016

I vigili del fuoco sono intervenuti alle 11.40 per un incidente stradale in via Francescata per un’uscita autonoma di strada di un’autovettura di una nonna che viaggiava con tre nipotini. La donna dopo aver perso il controllo della vettura è finita in un canale di scolo adiacente la carreggiata. I pompieri hanno messo in sicurezza la vettura alimentata a gpl e collaborato con il personale sanitario del 118. La donna con i tre bambini di tre cinque e sette anni sono stati portati in ospedale per un controllo.

ALLARME BOMBA NELLA BASILICA DELLA SALUTE

  • 07.07.2016

Allarme bomba alla Basilica di Santa Maria della Salute. Preoccupazione nel primo pomeriggio per un involucro metallico ritrovato all'interno della chiesa. Immediato è scattato il protocollo di sicurezza delle forze dell'ordine. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco, che hanno provveduto all'evacuazione e a mettere in sicurezza la zona, e una squadra di artificieri della Questura di Venezia, ha portato fuori l’oggetto che una volta aperto con le cattive si è rivelato essere un’urna vuota, probabilmente un ex voto.

MESTRE. ALL'ANGELO RADDOPPIANO INTERVENTI PER ICTUS

  • 07.07.2016

La “trombectomia cerebrale”, tecnica innovativa messa in atto solo nei grandi ospedali, è un intervento speciale che si pratica su un numero sempre più alto di pazienti colpiti da ictus. All’ospedale dell’Angelo nei primi sei mesi dell’anno sono già stati effettuati 21 interventi, rispetto ai 16 complessivi realizzati in tutto il 2015. Se il trend sarà confermato, il numero di questo tipo di operazioni sarà più che raddoppiato a dicembre 2016: “Siamo in prima linea su una tecnica complessa - spiega Enrico Cagliari, primario di Neuroradiologia - validata da recentissimi studi europei che ne dimostrano l’efficacia in termini di riduzione della mortalità e di miglior esito per il paziente colpito da ictus”.

IL RAMADAN FINISCE IN RISSA: DUE BENGALESI FERITI

  • 06.07.2016

La fine del Ramadan sarebbe dovuta essere una festa per loro, invece è finita in rissa. A poche ore dalla cerimonia all'alba di via Monzani a Marghera, alcuni bengalesi sono venuti alle mani. Erano le 2.45 di mercoledì mattina quando i residenti di corso del Popolo sono stati svegliati da urla e schiamazzi. Allertato il 113, gli agenti giunti sul posto hanno ricostruito la vicenda. Sarebbe scattata prima una lite verbale, poi si sarebbe passati alle vie di fatto. All’arrivo degli agenti la lite era già stata sedata: sono stati individuati solo due dei coinvolti nella lite che, entrambi feriti lievi, sono stati trasportati al pronto soccorso.

BAGNI FURBETTI: OCCUPANO SPIAGGIA ABUSIVAMENTE

  • 06.07.2016

Furbetti in spiaggia. Si tratta di tre concessionari di Sottomarina, che occupavano tratti di spiaggia libera limitrofi a quelli concessi dal demanio. A scovare le irregolarità è stata la guardia costiera con il personale del comune. Gli spazi erano sottratti al pubblico uso. Il totale della superficie indebitamente occupata dagli stabilimenti è risultato di circa 4mila metri quadrati, ragion per cui il Comune ha immediatamente avviato il procedimento amministrativo per la rimozione delle strutture abusive e per richiedere l'indennizzo a seguito di un'occupazione mantenuta senza titolo. La guardia costiera, invece, ha provveduto a segnalare i tre concessionari all’autorità giudiziaria, per abusiva occupazione di suolo demaniale marittimo. Gli stessi dovranno anche pagare una multa tra i 3 e i 4mila euro per sanare la proprio posizione.

RISSA DAL PARRUCCHIERE: NEGOZIO DISTRUTTO

  • 06.07.2016

Sei persone all’ospedale, intervento della polizia locale e indagini in corso. È il bilancio di una maxi rissa avvenuta ieri pomeriggio in centro storico all’interno di un negozio di parrucchiere vicino a Ca farsetti. Grida feroci, rumori di mobili spaccati e vetri infranti. Quando i vigili sono riusciti a entrare si sono trovati di fronte a cinque uomini che stavano picchiando uno dei dipendenti kosovari del negozio, colpendolo senza pietà. Il tutto mentre due donne, un’inserviente e una cliente, cercavano di scappare terrorizzate dai locali. Difficile capire cosa sia successo e soprattutto le cause della violenta rissa che ha causato gravi danni ai locali. C’è chi ha parlato di una somma di denaro avanzata, chi di motivi familiari o personali. I feriti sono stati portati all’ospedale. Tutti sono stati denunciati.

VENEZIA. SCIOPERO DELLA NETTEZZA URBANA: POSSIBILI DISAGI

  • 06.07.2016

I lavoratori addetti alla raccolta rifiuti alzano il tiro e decidono di scioperare ben due giorni di fila, lunedì 11 e martedì 12 luglio. Dopo ben due scioperi nazionali già messi in atto lo scorso 30 maggio e 15 giugno, nulla è cambiato: il loro contratto è scaduto dal 31 dicembre 2013 e non è ancora stato raggiunto l'accordo per il rinnovo. Così le sigle sindacali Cgil, Fit, Cisl, Uilt e Fiadel hanno annunciato un nuovo stop al servizio. Per una città come Venezia potrebbe trattarsi di un problema piuttosto grosso.

MURANO, NASCE IL MARCHIO DI TRACCIABILITA’

  • 24.06.2016

Un bollino che garantisce l’assoluta originalità, l’unicità e il valore del processo creativo del vetro di Murano. E’ una sorta di carta d’identità. Il nuovo marchio di tracciabilità Vetro Artistico è stato presentato dal Consorzio Promovetro, con il sostegno della Regione Veneto e della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo. Il contrassegno, realizzato seguendo le più moderne tecnologie, consentirà all’utente finale di ripercorrere, tramite smartphone, tablet e pc, l’intera storia del prodotto, ricostruendone il processo di creazione. Si tratta, naturalmente, di un ottimo strumento per combattere il problema della contraffazione. Da una ricerca condotta dalla Camera di Commercio di Venezia si evince che a minare alla base il tessuto produttivo di Murano è la concorrenza sleale dei prodotti realizzati al di fuori dell’isola, pari all’80% di quanto venduto nei negozi del centro storico. L’indagine, svolta su un campione di 12 negozi e 120 oggetti, ha evidenziato anche la presenza sui prodotti di ben 41 diciture diverse, 9 delle quali fanno inequivocabilmente riferimento a una lavorazione effettuata all’interno dell’isola di Murano.

I MESTRINI CHE SI SONO “RIAPPROPRIATI” DEL LORO PARCO

  • 24.06.2016

Via Piave e la stazione ferroviaria, l’area dell’ex Umberto I tra via Circonvallazione e via Ospedale, il parco della Bissuola... La mappa delle zone critiche di Mestre: in balìa di degrado e criminalità. Porzioni di città che appaiono perse, abbandonate al loro destino, in cui c’è chi oramai ha paura anche solo a passeggiare in determinati orari. Ma non è detto che a Mestre le cose debbano sempre peggiorare, esistono anche zone che vanno in controtendenza. Come il parco Villa Tivan sul Terraglio, di fronte alla caserma Matter ad esempio. Qui i cittadini si sono organizzati riuscendo a riappropiarsi di uno spazio che rischiavano di perdere. La presenza di gruppi cinofili ha iniziato a diradare le presenze poco raccomandabili fino a farle scomparire del tutto. Alcuni frequentatori del parco si sono costituti in un’associazione che ha sta raccogliendo fondi per creare percorsi per disabili e anziani di modo che tutti possano godere di questo splendido parco che da su via terraglio. E domenica ci sarà una festa con diversi gruppi cinofili. Una storia a lieto fine che dimostra come un’alleanza tra cittadini e istituzioni possa davvero far voltare pagina a Mestre. L’opera di recupero del parco non è finita. Poco visibile sia dal parco, e probabilmente ignorata dagli automobilisti che sfrecciano sul Terraglio c’è una chiesetta del 1721: la Cappellina della Santissima Trinità. Appena terminati i percorsi per disabili e anziani, il prossimo obiettivo sarà proprio il recupero di questa chiesetta.

«SCUSI UN’INFORMAZIONE?» E POI LA RAPINA

  • 24.06.2016

La avvicina con la scusa di chiedere un'indicazione stradale, dopodiché la rapina e la scaraventa a terra. Non ha avuto alcuna remora un criminale solitario nel derubare e mandare all'ospedale un'anziana di 72 anni , in corrispondenza di via Penzo. L'aggressione verso le 20, quando la donna stava camminando non lontano dalla propria abitazione. Aveva appena concluso una riunione di condominio e si trovava in un'area verde pubblica con il cane , e delle borse della spesa. Le forze dell’ordine ora cercano un 30enne probabilmente dell’Europa dell’est.

PORTOGRUARO. MOLESTA UNA 14ENNE, ARRESTATO ANZIANO

  • 24.06.2016

Le indagini sono andate avanti per circa un mese a ritmo serrato, e hanno portato all'identificazione del maniaco. Nella serata di giovedì i carabinieri hanno arrestato un 67enne pensionato originario del portogruarese, poiché avrebbe tentato molestato una ragazzina di 14 anni. L'episodio incriminato sarebbe accaduto verso la fine di maggio, all'interno di un parco pubblico della città. L’adolescente si è rivolta ai militari dell’arma con i genitori, le indagini hanno permesso di fermare il maniaco.

VENERDI’ NERO SUL FRONTE VIABILITA’ A VENEZIA

  • 24.06.2016

Giovedì nero per chi si è trovato ad attraversare il Ponte della Libertà, in un susseguirsi di incidenti, code e disagi. Ultima in ordine di tempo - alle 14.50 - un’automobile che ha preso fuoco sul ponte, in direzione Mestre, bloccando un tram. Ci è voluta un’ora per liberare la carreggiata. In mattinata, c'era stato un nuovo stop, questa volta in direzione Venezia, quando un autobus si è improvvisamente bloccato in corsia di sorpasso per un guasto, provocando inevitabili rallentamenti e oltre due chilometri di coda.Sulla A4 invece un camion è finito in un fossato che costeggia l’autostrada , disagi per chi doveva arrivare a Venezia da Trieste.

ESERCITO DI ABUSIVI SULLE NOSTRE SPIAGGE

  • 24.06.2016

In estate, ogni giorno, tra il centro storico di Venezia e le spiagge del resto della provincia lavora un esercito di 600 venditori abusivi, con punte che in certi giorni di festa - soprattutto d’agosto - possono diventare anche 900. Si tratta in gran parte di cittadini del Bangladesh. Sempre meno vendono prodotti contraffatti e come avviene in centro storico a Venezia, si tratta di persone con un regolare permesso di soggiorno. Elementi che rendono ancora più spuntate le armi delle forze dell’ordine per contrastare questo fenomeno che spesso porta a situazioni di degrado.

CASA SVALIGIATA, LADRI SCOPERTI E SUBITO LIBERATI

  • 22.06.2016

Il sollievo di aver visto catturare i ladri che gli avevano svaligiato l'appartamento si è subito mutato in delusione per Angelo Calzavara, residente della Cipressina che per tre volte in poche settimane si è trovato la casa ripulita. “Abbiamo incontrato i delinquenti in tribunale, al processo per direttissima - racconta il pensionato - si sono presi la loro pena di 14 mesi senza fiatare e poi se ne sono andati a casa col sorriso.” “Mi chiedo come ci si possa sentire al sicuro - chiosa il protagonista dell'episodio purtroppo tuttaltro che insolto - quando i ladri non possono essere resi inoffensivi neppure se scoperti.” “Dai dati che abbiamo raccolto - spiega Mauro Di Matteo della Uil pensionati - la sicurezza è il problema che di questi tempi preoccupa di più gli anziani. Stiamo organizzando insieme ai carabinieri e alla polizia di stato degli incontri per formare i nostri iscritti ai comportamenti da tenere in caso di contatto coi delinquenti. Uno dei consigli più importanti è quello di non farsi prendere dalla rabbia e non mettersi a fare gli eroi.”

REFERENDUM SEPARAZIONE, PAROLA AL CONSIGLIO METROPOLITANO

  • 22.06.2016

Il silenzio calato improvvisamente sul referendum per la separazione tra Venezia e Mestre non tragga in inganno. Le fazioni in campo, deve spiccano il sì della Regione e il no del Comune, stanno solo affilando le armi in vista del prossimo round. Dopo i fuochi d’artificio in occasione del voto sull’ammissibilità del quesito a Cà Farsetti, quando il fronte referendario aveva polemicamente distribuito il documento nel quale in campagna elettorale Brugnaro si era impegnato a sostenere il referendum, la palla passa alla città metropolitana Che si possa votare o meno sul futuro, assieme o separate, di Venezia e Mestre è diventata ormai disputa da giuristi. Il fronte del No sostiene infatti che con la riforma Del Rio, che ha istituito la città metropolitana, il referendum non si può più fare così come era avvenuto in passato. Dal punto di vista politico intanto, il dibattito ha già avuto conseguenze, aprendo una crepa nella maggioranza che governa a Cà Farsetti tra il sindaco e la Lega Nord.

BANCHE, DALLE INDAGINI SPIRAGLI PER GLI AZIONISTI

  • 22.06.2016

“Gli esiti di queste indagini sono sconcertanti” assicura il comandante della Guardia di Finanza Giuseppe Mango durante la cerimonia per il 242esimo anniversario della fondazione del corpo alla Giudecca. “Di più non possiamo dire perché le operazioni sono ancora in corso - puntualizza - ma siamo particolarmente attenti e scrupolosi perché in gioco ci sono gli interessi, speriamo non definitivamente sopiti, di chi ha versato i propri risparmi in questi istituti.” Quella di recuperare parte del credito come risarcimento per comportamenti illegali subiti è dunque un'eventualità sulla quale le Fiamme Gialle sono possibiliste, e non riguarda soltanto gli azionisti e gli obbligazionisti di Popolare di Vicenza.

NEWS TG PADOVA

PROFUGHI NELLE TERME? «SPECULAZIONE POLITICO-GIORNALISTICA»

  • 30.08.2016

La notizia di un possibile arrivo di profughi nei comuni termali è falsa. E’ stato proprio il commissario a smentirla davanti albergatori preoccupati. Nessuna richiesta è mai arrivata, lo conferma anche il Sindaco di Montegrotto Terme che parla riferendosi alla notizia di “speculazione politico giornalistica. Di 110 strutture alberghiere tra Abano e Montegrotto ne sono rimaste 90m molte di queste sono in sofferenza. E la crisi del comparto non è da additare al calo delle presenze, tutto sommato buone nonostante il periodo, ma piuttosto alla pressione fiscale pesantissima. I turisti arrivano ma restano per periodi più brevi, così i costi di servizio si alzano e i margini di guadagno si azzerano. Non hanno giovato poi anni di politiche centrate su edilizia e concessioni troppo leggere che hanno portato due comuni a perdere in parte la loro appetibilità turistica. Tra Abano e Montegrotto le struttura abbandonate sono 22, un danno enorme per la loro immagine Attualmente gli studenti seguono le lezioni all’interno dei container. La struttura termale dismessa che li ospiterebbe è l’Hotel Cesar di Montegrotto, chiuso da anni, nei pressi della stazione ferroviaria.

ESTATE 2016: I SALDI DELUDONO I COMMERCIANTI PADOVA

  • 30.08.2016

I saldi termineranno ufficialmente domani 31 agosto, ma il bilancio ormai è definitivo e per niente soddisfacente. È quanto emerge dai dati elaborati da Confesercenti. La grande attesa di negozianti padovani ha dovuto scontrarsi ancora con le difficoltà delle famiglie. Dei commercianti che hanno applicato i saldi solo il 20% ha dichiarato di avere avuto un incremento delle vendite mentre il 33% ha detto di averle diminuite ed il 47% di avere avuto le stesse vendite dei saldi estivi del 2015. Insomma le vendite quest’estate non sono andate bene, di sicuro non come se le aspettavano i commercianti. Ormai sembra che le svendite o i ribassi siano attesi in ogni periodo dell’anno e non solo nel mese adibito alle liquidazioni di fine stagione. Le regole per questo devono essere riviste spiega Rossi.

VIABILITA’ A SAN LAZZARO: GIUNTA APPROVA IL “VIALE DELLA SALUTE”

  • 30.08.2016

Approvato quest’oggi in giunta il progetto definitivo della viabilità intorno all’area san lazzaro a Padova, che prevede il completamento del tratto denominato arco di giano. Un progetto da costerà 4 milioni e 150 mila euro. Il sindaco Bitonci risponde così alle polemiche dei giorni scorsi quando il pd cittadino aveva chiesto che intenzioni avesse per risolvere il nodo viabilità attorno all’area dove nei piani del sindaco dovrebbe sorgere il nuovo ospedale. L’avvio dei lavori ha annunciato Bitonci potrebbe essere già il prossimo anno. La nuova viabilità secondo il sindaco collegherà il polo ospedaliero con il resto della città e verrà chiamato viale della salute. Sempre in tema di viabilità la giunta da dato l’ok anche per tre nuove rotatorie nell’incrocio tra viale codalunga e via tommaseo.

VIGONZA: RUBANO IN ABITAZIONE, ROM ARRESTATI DOPO UN MESE

  • 30.08.2016

Arrestati dopo un mese di indagini un coppia di rom che un mese fa aveva raggirato e derubato un 67enne di Pionca. I carabinieri sono riusciti a risalire agli autori del furto in abitazione messo il 30 luglio scorso. La coppia aveva suonato il campanello e mentre il ragazzo distraeva il proprietario di casa, la complice, una 28 enne, era riuscita ad entrare da una finestra, rubando un portafogli contenente 200 euro in contanti. Per entrambi è scattata la denuncia per furto in concorso.

10 DONNE VIOLENTATE DALL’EX CARABINIERE

  • 30.08.2016

Spuntano nuove vittime narcotizzate e stuprate dall’ex carabiniere Dino Maglio che si trova in carcere condannato a 6 anni e 6 mesi, l’indagine bis che si sta concludendo in questi giorni ha accertato che l’ex militare dell’arma ha compiuto ulteriori abusi oltre a quello di una 16enne australiana. L’uomo sceglieva le vittime attraverso un sito internet in cui metteva a disposizione la sua casa dell’Arcella per le turiste straniere. La squadra mobile di Padova ha trovato nel suo computer centinaia di filmati e di fotografie di almeno una ottantina di ragazze da tutto il mondo che sono state sentite dagli inquirenti e alla fine è emerso che almeno dieci di loro hanno subito una violenza sessuale dall’ex carabiniere.

TAGLIAERBA IN CORTO CIRCUITO, BRUCIA GARAGE

  • 30.08.2016

Incendio, lunedì sera, in un garage. I vigili del fuoco sono intervenuti intorno in via Campania a Rubano per domare le fiamme, scaturite dal cortocircuito del tagliaerba elettrico. I danni non sono ingenti e si limitano alle pareti, fortunatamente non ci sono stati feriti perché i proprietari si sono accorti subito del rogo.

SBANDA E SI SCHIANTA CONTRO UN TIR: MUORE 84ENNE

  • 29.08.2016

Ha sbandato all’improvviso e ha invaso la corsia opposta proprio mentre stava arrivando un grosso camion. Uno schianto micidiale che non ha lasciato scampo ad una 84enne pensionata padovana morta sul colpo. La donna era alla guida della sua auto, una fiat 600, quando, per cause al vaglio della polizia locale intervenuta per i rilievi, all’imbocco dello svincolo che da pontevigodarzere porta al raccordo per Castelfranco e la zona industriale sarebbe andata dritta invadendo la corsia opposta. L’impatto è stato tremendo. Non è chiaro se la pensionata non abbia seguito la curva perché si è sentita male mentre guidava o per un momento di distrazione. Sul posto sono arrivati i soccorsi subito allertati dal camionista coinvolto nello schianto, ma per l’84enne non c’è stato nulla da fare. La polizia locale intervenuta per i rilievi ha chiuso per un’ora lo svincolo di corso boves deviando il traffico verso vigonza, fortunatamente non si sono formate code o rallentamenti.

MULTA RECORD AL CENTRO INGROSSO CINA

  • 29.08.2016

Una multa record di un milione e duecento mila euro è stata comminata dal Comune di Padova ai negozi del Centro Ingrosso Cina. "Dentro a quei capannoni c'è un'attività abusiva e una suddivisione fittizia degli spazi che dovrebbero essere artigianali e non commerciali come sono in realtà” ha detto il sindaco Bitonci. I rilievi della polizia locale hanno trovato 38 attività in un capannone e 18 in quello accanto. Da qui la maxi multa che, in totale, tra oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e sanzioni per ogni attività arriva a oltre un milione e duecento mila euro.

TEOLO: ROGO DISTRUGGE UN CAPANNONE

  • 29.08.2016

Nella notte un incendio ha distrutto un capannone agricolo in via Selve. Il rogo ha destato parecchio allarme per l'alta colonna di fumo visibile da lontano. I pompieri intervenuti con 18 operatori e 6 automezzi sono riusciti a controllare le fiamme, evitando danni alle abitazioni vicine. Bruciati 2 trattori un carrello e varie attrezzature per lavorazioni agricole, gravemente danneggiato e inagibile il capannone di oltre 500 mq. Sul posto anche i carabinieri e personale dell'Arpav.

IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA CITTA’ DI PADOVA

  • 29.08.2016

Il Piano comunale di Protezione civile di Padova è stato approvato con la delibera del Consiglio n. 41 l’ 8 Ottobre 2012. 81 pagine in cui la città viene integralmente scomposta in strade, fiumi, canali, ponti e aree urbane, per essere poi ricostruita in aree di rischio e intervento Il suo scopo garantire la gestione dell’emergenza nell’ l’organizzazione della procedure, nella distribuzione dei compiti, e nell’ assistenza alla popolazione. Questo si legge nelle prime righe del piano che potete trovare interamente pubblicato sul sito del comune di Padova, consultabile a tutti. Per predisporlo sono stati prima di tutto individuati gli eventi calamitosi cui il nostro territorio, per la sue caratteristiche, è più predisposto. In primo piano per il Padovano è l’emergenza allagamenti. Il territorio, si legge, si trova inserito tra i due alvei dei fiumi Brenta e Bacchiglione, questo rappresenta una evidente pericolosità qualora uno o entrambi i fiumi presentino stati di piena conseguenti prolungate precipitazioni meteoriche che possono anche coincidere con lo scioglimento di neve nella parte montuosa dei rispettivi bacini di raccolta dei fiumi. Area a moderata pericolosità è stata definita tutta la parte est del territorio comunale compresa tra viale delle Grazie, il canale San Gregorio fino al fiume Bacchiglione. Via Vigonovese. Pericolosi sono stati definiti TUTTI i ponti di padova, considerato, si legge, il tessuto medioevale del reticolo urbano del centro storico e l’intreccio di fiumi, canali e canalette sovente tombinate che costituiscono da sempre la base del sistema viario cittadino. Ecco le tre aree di allarme, i ponti lungo le mura del ‘200:. Lungo l’alveo del Bacchilgione fino al ponte di Via euganea nel comune di Selvazzano e il ponte di San nicolò nel comune che porta il suo nome.

TERREMOTO: UN EURO DI PREVENZIONE NE VALE 4 DI RICOSTRUZIONE

  • 27.08.2016

I capannoni di Padova e provincia non sono adeguati, se un sisma colpisse la nostra provincia lo scenario che troveremmo sarebbe molto simile a quello che nel 2012 colpì l’Emilia. Anche dopo quella tragedia si parlò di sicurezza legata ai criteri antisismici di costruzione ma poco è cambiato. Come rete veneta chiedemmo un intervento statale che continuiamo a rivendicare. Ce lo conferma l’ingegner Lino Sarzo, consigliere della fondazione degli Ingegneri di Padova. I costi sono alti, ma non altissimi per mettere a norma gli edifici. Dai 60 euro al metro quadro per i capannoni ai 150 al metro quadro per le abitazioni. Inevitabilmente è necessario un intervento pubblico. Ci vogliono sconti o rimborsi per chi decide di procedere alla messa a norma delle abitazioni e dei capannoni. Va tenuto conto che spendere 1 euro in prevenzione ne fa risparmiare 4 in una eventuale ricostruzione.

PD DEVOLVE L’INCASSO DELLA FESTA DELL’UNITA’ AI TERREMOTATI

  • 27.08.2016

Il bilancio dei morti è salito nelle ultime ore a 290. Nel giorno in cui ad ascoli si sono svolti i funerali di stato per le 35 vittime marchigiane del sisma che ha colpito il Centro Italia da Padova cominciano a delinearsi le iniziative della politica per sostenere le persone che nel sisma hanno perso tutto. Il partito democratico ha deciso di devolvere ai terremotati l’intero incasso della festa provinciale dell’Unità che si svolgerà al Parco della Musica alla Stanga dal 16 al 22 settembre. Ogni offerta raccolta all’ingresso e il ricavato prodotto dagli stand gastronomici andrà destinato a progetti di ristrutturazione con la promessa di un impegno della politica nella vigilanza per una ricostruzione che rispetti le norme antisismiche.

SISMA: SPAGHETTATA DI BENEFICIENZA DEI GIOVANI DI FORZA ITALIA

  • 27.08.2016

Anche i giovani di forza italia padova hanno deciso di impegnarsi in modo concreto per dare un sostegno ai terremotati di accumoli, amatrice e arquata del tronto. Per questo hanno deciso di organizzare una spaghettata di beneficienza a base di pasta all’amatriciana. La data scelta per l’evento è quella del 6 settembre alle 20.30. ora resta solo da decidere la location, al vaglio dei giovani forzisti, capitanati dal consigliere comunale carlo pasqua letto, la disponibilità di alcune parrocchie dove poter allestire una cucina e le griglie.

FU SEQUESTRATO DALL’ISIS: MUORE MEDICO PADOVANO

  • 27.08.2016

Era sopravvissuto a un rapimento dell'Isis, è morto mentre faceva il bagno in mare. E' scomparso il medico siciliano Ignazio Scaravilli, ortopedico di 69 anni, che per 35 anni ha lavorato all'ospedale Sant'Antonio di Padova. Il medico era stato sequestrato lo scorso anno dopo una lunga trattativa. Scaravilli è rimasto vittima ieri pomeriggio di un incidente tra gli scogli del porticciolo di San Giovanni Li Cuti, borgata marinara nel centro di Catania. Il medico, ospite di alcuni amici che risiedono in quella zona, era sceso a mare quando improvvisamente è stato travolto da un'onda. Da quanto è emerso dalle indagini della polizia Scaravilli è morto per un trauma cranico dopo avere battuto la testa sugli scogli e non per annegamento.

VIGILI INSULTATI SU FACEBOOK, IL SINDACO: «DENUNCIAMO»

  • 27.08.2016

Vigili derisi e offesi: il sindaco Nunzio Tacchetto annuncia che saranno presi provvedimenti contro chi ha criticato l'operato degli agenti. Negli ultimi giorni su alcune pagine facebook dedicate alla comunità di Vigonza, girano foto e commenti che prendono di mira gli agenti municipali, accusati di fare appostamenti senza cartelli o segnali di preavviso, allo scopo di fare cassa. “I commenti sono al limite della calunnia” dice il sindaco “perché risultano essere offensivi e lesivi della reputazione del Comando di polizia municipale” per questo presto potrebbero partire le denunce.

BATTAGLIA TERME: IN ARRIVO I RIMBORSI PER L’ALLUVIONE DEL 2014

  • 27.08.2016

Il Capo Dipartimento della Protezione Civile ha stabilito i criteri per la determinazione e la concessione degli indennizzi ai privati che hanno subito danni dalle calamità naturali tra il 2013 e il 2015. Tra questi figurano anche un centinaio di famiglie di via Ortazzo, Peschiera e Chiodare finite sottacqua i primi di febbraio del 2014. Da una prima stima i danni ammonterebbero ad un milione di euro. Le domande di concessione dei contributi vanno presentate all' ufficio protocollo del Comune entro il 29 settembre. Il comune ha organizzato per lunedì sera nella sala di via Volta un incontro pubblico informativo.

PROFUGHI: CONTROLLI SANITARI ALL’INTERNO DELLA BASE DI BAGNOLI

  • 27.08.2016

Controlli sanitari sui migranti direttamente nel centro di accoglienza di San Siro. Il personale dell'Uls 17 si recherà direttamente nell'ex base per effettuare lo screening, tra questi anche il test della tubercolosi, dopo il caso segnalato a luglio. In precedenza i gruppi di profughi venivano accompagnati all'ospedale di Conselve oppure a Padova. Adesso invece gli accertamenti vengono eseguiti direttamente in loco grazie ad un accordo raggiunto fra l'Uls, la Prefettura e la cooperativa Ecofficina che gestisce il centro. In questo modo si riducono se necessario il tempo d’intervento con la profilassi.

GUIDA UBRIACO DI PRIMA MATTINA E SEMINA IL CAOS

  • 27.08.2016

Ubriaco di prima mattina si mette alla guida e crea il caos. A finire nei guai un 28enne veneziano che, questa mattina, alla guida di una Kia, è stato notato procedere zigzagando nel quartiere padovano. Il giovane fermato dalla polizia è risultato positivo al alcoltest oltre tre volte il limite consentito ed è stato multato. Denunciata la donna che era con lui e che era in possesso di un coltello.

TERREMOTO, PARTITA RINVIATA. LA SOLIDARIETA’ DELL’ORTO BOTANICO

  • 26.08.2016

L’angelo di Giorgia si chiama Nicola Bortoli, medico mestrino da tempo residente a Padova. E’ stato lui a dare indicazioni ai soccorritori per mettere in salvo la piccola di 4 anni dall’inferno che trema a Pescara del Tronto. 17 ore sotto le macerie, il capo squadra dei vigili del fuoco di Pesaro Urbino, tra le lacrime, ha detto solo che ora spera lei possa dimenticare tutto. La sorellina di 9 anni, invece, è morta per la prima violentissima scossa che ha devastato la provincia di Rieti. Padova, dopo l’invio degli psicologi, è determinante in queste ore per le operazioni di soccorso. Il rettore del Bo Rizzuto ha stabilito che l’intero incasso delle visite all’Orto Botanico, da martedì 30 e per due settimane, sarà devoluto alle popolazioni colpite dal terremoto. Biglietto per di più ridotto a 5 euro per attirare più turisti. Intanto nel pomeriggio è arrivata la conferma dalla Lega Pro del rinvio del match Sambenedettese-Padova prevista per domani, come stabilito dal prefetto di Ascoli per la concomitanza dei funerali di Stato. Una delegazione di Ultras biancoscudati della Fattori ha confermato però la trasferta divenuta esclusivamente solidale dopo aver raccolto medicinali generici: aspirine, cicatrizzanti, disinfettanti e cerotti che possono essere consegnati anche domani mattina alle 8 prima della partenza dal park dello stadio.

PADOVA EST, PD: «RISCHIA DI ESSERE UN “OSPEDALUNCOLO”»

  • 26.08.2016

ll nuovo ospedale, che secondo i piani del sindaco Bitonci dovrebbe sorgere nell’area San Lazzaro a Padova est, rischia di diventare un ospedaluncolo che andrebbe ad aggiungersi e non a sostituire quelli già esistenti? È la domanda che si pone il partito democratico cittadino analizzando la variante al piano urbanistico attuativo. Molti i punti poco chiari a partire dalla viabilità. Poi c’è la questione della compatibilità idraulica, punto fondamentale che aveva fatto propendere per padova est nei tavoli regionali. Molti meno di quelli richiesti dall’università che aveva imposto come conditio sine qua non per l’accordo sull’area, la cubatura, inizialmente prevista di 470 mila metri quadri. Secondo il pd ora si arriverebbe a 328 mila metri quadri: 200 mila sono quelli messi a disposizione dal comune e 128 mila l’area ceduta dai privati. Ma per Bitonci i metri sono oltre i 500 mila e di questi quasi 400 mila contigui nell’area di Padova est.

DAL CASTELLO ALLE MURA: I GRANDI PROGETTI DI PADOVA

  • 26.08.2016

Padova vuole diventare Smart e per farlo la giunta ha approvato 9 progetti per presentarli e ricevere 18 milioni di euro dal bando del governo Renzi per le periferie. L’amministrazione sta lavorando da mesi su questi progetti che rientrano tutti sotto il nome di “Padova Smart City”. “Questa è la risposta a chi dice che non c’è progettualità in città” dice il primo cittadino. Nove appunto i punti d’intervento messi in cantiere: il restauro del parco delle Mura, le piste ciclabili in via Canestrini e via Bembo, il restauro del Castello dei Carraresi, la scuola Montegrappa da ristrutturare, le due palazzine liberty di piazzale Boschetti (per cui sono stati chiesti 7,3 milioni di euro), parco Boschetti e sistemazione di via Morgagni (chiesti 2 milioni di euro), parco del Basso Isonzo (chiesti 300 mila euro), implementazione della videosorveglianza in città (chiesto un milione di euro), e infine un progetto stilato con il Petrarca rugby per nuove strutture sportive, campus e foresterie in via Gozzano. Particolare attenzione al Castello Carrarese che nei piani dell’amministrazione sarà una nuova piazza per i padovani e in cui sarà inserita la Cittadella della Scienza e della Tecnica. “I progetti sono già finanziati, sottolinea il sindaco, sfidiamo Renzi a contribuire allo sviluppo della città.”

RAPINE AD ANZIANI, NUOVE ACCUSE PER I ROM ARRESTATI

  • 26.08.2016

Sono accusati di altri colpi ai danni di anziani i tre nomadi giostrai arrestati dai carabinieri lo scorso 11 agosto. La famiglia di rom avrebbe rapinato altri 5 anziani in provincia di treviso sempre con la tecnica dell’abbraccio. La loro posizione dunque si aggrava, e i carabinieri hanno notificato in carcere una nuova misura cautelare.

LEGNARO: CANE SFUGGE A DUE MINORI ROM E AGGREDISCE CICLISTA

  • 26.08.2016

In bicicletta con il nipote viene aggredito da un dogo argentino sfuggito al controllo di due minorenni. Ferito un 59enne che stava facendo una passeggiata con il nipotino piccolo. Il cane si è avventato sulla gamba dell’uomo che ha faticato molto prima di liberarsi, fortunatamente è riuscito a rimanere in sella senza cadere a terra e senza mettere in pericolo il bimbo. Il cane era sfuggito a due ragazzini nomadi che vivevano a poca distanza dal luogo dell’aggressione. L’intera famiglia è stata denunciata.

TENTA DI SCAVALCARE UN CANCELLO, MA PRECIPITA NEL VUOTO

  • 26.08.2016

Volo di 4 metri mentre tenta di scavalcare il cancello che porta ai garage sotterranei dei grattacieli della cittadella di via pertini alla stanga. Ferito gravemente un pregiudicato tunisino. Non è chiaro se l’uomo 33 anni senza fissa dimora volesse entrare per rubare all’interno dei box auto oppure se era solo alla ricerca di un luogo dove trascorrere la notte. È stato identificato dai carabinieri e portato in ospedale dove si trova tutt’ora ricoverato per le gravi ferite.

GIOCA CON IL CELLULARE DEL PAPA’ E TEMPESTA DI CHIAMATE I POMPIERI

  • 26.08.2016

Un pomeriggio senza poter giocare con l’ipad del papà e così un bimbo di 6 anni ha deciso di divertirsi con il cellulare del genitore. Al centralino dei vigili del fuoco per un’ora sono arrivate decine di telefonate anonime tanto che i pompieri hanno pensato che si potesse trattare di qualcuno in difficoltà che non riusciva a parlare. All’altro capo del telefono invece c’era il bambino di 6 anni che è stato rintracciato localizzando il cellulare. Quando la polizia si è presentata a casa dei genitori ignari di quanto stava accadendo il piccolo ha subito intuito che lo scherzo aveva superato il limite e mortificato ha chiesto scusa agli agenti.

CANOTTIERA E PISTOLA, SCATTA L’ALLARME: MA E’ VIGILANTES ACCALDATO

  • 26.08.2016

C’è un uomo che gira in canottiera ed è armato di pistola in via beato pellegrino a Padova. Due segnalazioni arrivate in pochi minuti ieri pomeriggio al 113. Sul posto immediatamente sono stati inviati i poliziotti delle volanti, della digos e delle uopi - le squadre speciali anti terrorismo- ma dell’uomo armato nessuna traccia. Fortunatamente un testimone aveva notato il numero di targa dell’auto da dove era sceso il personaggio sospetto. Gli agenti sono così risaliti alla sua identità, una guardia giurata che abitava proprio da quelle parti. Quando lo hanno rintracciato a casa lo hanno trovato ancora in canottiera, la camicia - ha detto - se l’era tolta a fine turno perché accaldato dimenticandosi di avere la pistola in bella mostra. Una leggerezza in questo periodo di allerta terrorismo. I poliziotti hanno trovato la pistola sopra un tavolo in casa e così hanno disposto il sequestro cautelativo dell’arma. Ora spetterà sempre alla questura avviare un eventuale procedimento disciplinare.

TERREMOTO: LA CROCE ROSSA « VIVERI, FONDI MA NON VESTITI»

  • 25.08.2016

Dopo il dolore e lo sgomento arriva il momento della solidarietà e i padovani stanno iniziando a rispondere alle chiamate che i vari enti stanno facendo per aiutare le popolazioni colpite del sisma del 24 agosto. La Croce Rossa nella sede padovana di Via della Crocerossa ha iniziato una raccolta di beni di prima necessità. Attenzione però in questa prima fase ci sono priorità. Le iniziative di solidarietà si stanno moltiplicando in tutta la provincia, il comune di Carmignano ha aperto un conto corrente per raccogliere fondi, mentre ad Albignasego gli uomini della protezione civile allestiranno un banchetto all’interno della festa del paese. Il sindaco di Carceri ha proposto di mettere a disposizione gli ex ospedali di Este e Monselice come centri di accoglienza. Anche la Regione ha attivato un conto corrente. “Mentre si lavora sull’emergenza, ha detto il presidente Luca Zaia, è necessario già pensare al futuro e alla ricostruzione”. Questa sera rientrerà all’aeroporto Allegri l’elicottero del Suem che da ieri è in servizio nei reatino. Il direttore del Servizio Andrea Spagna parla della sua equipe sul posto

INVESTITA AL RITORNO DALLA SAGRA, MUORE 10 GIORNI DOPO

  • 25.08.2016

Ancora un tragico lutto coinvolge la comunità di Saonara. Dopo il tragico incidente in cui ha perso la vita Luca Dainese, caduto in moto con la figlia mentre stava tornando a casa dopo aver lavorato presso gli stand della Sagra del Paese, il 13 agosto è stata investita sempre tornava dalla festa in bicicletta una donna di 70 anni, Bruna Bortolato. Dopo 10 giorni di agonia in ospedale , ieri mattina la donna è morta. L’uomo che l’ha investita , un 63enne di Legnaro potrebbe dover rispondere ora del reato di omicidio stradale.

MALORE IN VACANZA, MUORE OPERATORE SANITARIO DEL SANT’ANTONIO

  • 25.08.2016

In molti passati presso il reparto di fisioterapia di Sant’Antonio lo ricordano sempre come una persone sempre con il sorriso. Si è spento stroncato da un malore Christian Boldrin, 41 anni compiuti da poco operatore sanitario all’Ospedale Sant’Antonio di Padova. L’uomo è morto all’improvviso mentre si trovava in vacanza in Calabria, insieme alla moglie. Stava guardando una partita di calcio alla tv quando ha accusato un malore ed ha perso conoscenza. Per lui non c’è stato nulla da fare.

LA SANITA’ TRADOTTA NEL LINGUAGGIO DEI SEGNI

  • 25.08.2016

Medici e infermieri tradotti con il linguaggio dei segni via computer, pazienti sordi che possono interagire e farsi comprendere agevolmente grazie ad un servizio innovativo di video-interpretariato. Il progetto è stato attivato anche nei Pronto soccorso dei presidi di Camposampiero e Cittadella, attraverso postazioni fisse e mobili è possibile con una videochiamata essere messi in contatto con un interprete specializzato in lingua dei segni italiana (LIS) che, grazie ad un collegamento da remoto, garantisce un supporto linguistico al medico nel dialogo con il paziente sordo. Il servizio è disponibile nei due PS dalle ore 08,00 alle ore 18,00.

APP SMARTPHONE TABLET

RIMANI IN CONTATTO