NOTIZIE BASSANO TG



 

22.11.2014
STUDENTI LAVORATORI IN NERO, ALBERGATORI ESTRANEI
Dopo la notizia della mega inchiesta della guardia di Finanza di Bassano che ha portato a galla un giro di studenti impiegati come lavoratori a costo zero in ristoranti e alberghi sul territorio nazionale, di cui 13 nel Bassanese, gli albergatori cittadini si chiamano fuori: difficile - spiega il presidente di categoria Roberto Astuni - che nelle indagini sull'organizzazione capeggiata da un 40enne residente a Mussolente sia coinvolto qualche hotel.

22.11.2014
LAMPIONI ACCESI: PER LA LEGA E’ CAMPAGNA ELETTORALE
Bassano sotto assedio. Cresce in città e nell’intero comprensorio la percezione di insicurezza dei cittadini. Percezione peraltro confermata dalla recente escalation di furti ed episodi criminosi delle ultime settimane. Per la Lega Nord una delle ragioni di questo aumento dei crimini è la gestione della sicurezza. Intanto, per la Lega Nord, una piccola vittoria sembra essere arrivata: i lampioni, ha promesso l’amministrazione, verranno riaccesi prima della fine dell’anno. Intanto oggi la Lega Nord era in piazza per pubblicizzare la raccolta fondi per il Referendum sull’indipendenza Veneta. Domani nuovo gazebo in viale delle Fosse.

22.11.2014
INCENDIO DOLOSO ALLO SKY WAY CLUB DI CASSOLA
L’origine dolosa non è in dubbio. L’incendio scoppiato questa notte allo Sky Way club di via Ferrarin a Cassola, non è divampato accidentalmente. Qualcuno, poco prima delle 23 ha rotto il vetro della porta d’ingresso e si è introdotto all’interno del locale, di proprietà di un romeno. I malviventi hanno appicato il fuoco a due divanetti del locale: in pochi istanti un fumo denso ha riempito il club, in quel momento vuoto. Ad accorgersi, un residente in zona che ha allertato immediatamente i vigili del fuoco. Giunti sul posto, i pompieri hanno trovato la porta del locale sfondata e una volta all’interno della struttura sono riusciti a domare l’incendio in pochi minuti, limitando così i danni. Le fiamme, infatti, hanno intaccato solamente un paio di divani, ma i danni maggiori derivano dall’annerimento provocato dal fumo. I danni, comunque, sono coperti da assicurazione. Non è la prima volta che lo Sky way club di Cassola viene preso di mira dai malvimenti. Un episodio simile a quello registrato ieri si era verificato anche un anno fa. Sul caso indagano i carabinieri.

22.11.2014
A MAROSTICA LA “GIORNATA DELLA TRASPARENZA”
Come dev’essere un’amministrazione pubblica? Onesta, efficiente, certo… ma anche “trasparente” una parola che negli ultimi anni è diventata sempre più frequente sinonimo di quel palazzo di vetro che indica un centro di comando che non nasconde le proprie attività ma si rende trasparente per permetterne l’accesso a tutti. Ed ecco che per la “Giornata della trasparenza” l’unione dei comuni del marosticense sceglie di aprire le proprie porte virtuali ai cittadini. Attraverso il sito internet dunque l’obbiettivo è quello di informare e rendere partecipi i cittadini, che sempre attraverso il portale possono svolgere da casa attività che prima avrebbero costretto a fare la fila fuorai da qualche ufficio.

22.11.2014
INAUGURATO A BASSANO IL MERCATINO DI NATALE
E da oggi si può dire ufficialmente che a Bassano è arrivato il Natale. Nel tardo pomeriggio è stato inaugurato, infatti, il tradizionale mercatino organizzato dalla locale Confcommercio e come tradizione sono stati premiati gli stand più belli. Ben 31 i punti vendita presenti capaci di proporre ogni genere di idea regalo. Acceso anche il grande abete di piazza Libertà, donato alla città dal comune di Enego

21.11.2014
DANNI PEDEMONTANA: NESSUNO DIPOSTO A PAGARE
Non ne possono proprio più i residenti di via Postumia a Casoni di Mussolente, che lo scorso 15 settembre hanno visto buona parte dei loro elettrodomestici andare letteralmente in fumo per un improvviso cortocircuito provocato dal vicino cantiere della nuova Superstrada Pedemontana veneti. Un blackout che ha provocato danni per migliaia di euro. Migliaia di euro che l’Enel ha già fatto sapere tempo fa di non voler pagare e che ora non intende pagare neppure Sis: “Qualsiasi richiesta di indennizzo - si legge nella raccomandata arrivata ai signori Bizzotto - potrà essere trasmessa all’ente gestore”. Ovvero all’Enel. Insomma un continuo scarica Barile, che sta snervando i residenti di via Postumia che a breve, peraltro, dovrebbro essere oggetto di esproprio

21.11.2014
TURISMO ACCESSIBILE: IL VENETO REGIONE PILOTA
Sono 127 milioni, in Europa, le persone con disabilità. Una cifra che, se si allarga ai paesi extra europei sale fino al miliardo. Facile, dunque, comprendere l’importanza dell’accessibilità a tutti di un settore, come quello turistico, che traina l’economia del Veneto. A questo sta lavorando da quattro anni la Regione che si pone come tramite diretto tra l’Europa, pronta a sostenere economicamente il progetto e i privati .Regione pilota per allargare l’accessibilità turistica il Veneto ha già stanziato dei fondi destinati agli enti publici. Perchè una struttura o una località turistica sia realmente accessibile, non basta però abbattere solo le barriere architettoniche. Servono competenze e prepazione. Così un ruolo fondamenta è quello richiesto Ulss pronto a organizzare apposite iniziative. Tra le realtà maggiormente interessate dal progetto il territorio dell’altopiano di asiago, scelto proprio per presentare l’iniziativa

21.11.2014
50ENNE MAROCCHINO TROVATO SENZA VITA A ROSA'
non sono ancora chiare le cause della morte di un 50enne di nazionalità marocchina rinvenuto senza vita attorno alle 16 di oggi in via via Schalstadd a Rosà. L’uomo, era riverso a terra all’interno di una roggia. secondo una prima ispezione condotta dal medico legale, il dottor Lorenzo Meloni, le cause della morte sarebbero da attribuire ad una caduta accidentale o ad un suicidio. In entrambi i casi molto probabile che la temperatura dell’acqua possa aver contruibuito al decesso. Di certo al momento pare che si possa escludere la pista della morte violenta. L’uomo si era allontanato dalla sua casa di cartigliano lo scorso lunedì, ma solo ieri la moglie aveva denunciato la scomparsa dell’uomo ai carabinieri. E proprio gli uomini dell’arma stanno ora indagando sull’accaduto. Il cadavere dell’uomo, che aveva con sè i documenti, è stato poi trasportato in obitorio al San Bassiano dov’è tuttora a disposizione dell’autorità giudiziaria. .

21.11.2014
UNA PETIZIONE CONTRO LA MOSCHEA A CITTADELLA
Una raccolta di firme, promossa dalla Lega Nord domenica e lunedì mattina in centro a Cittadella, per manifestare sostegno all’amministrazione comunale nella sua battaglia legale contro la moschea sorta in un capannone industriale in via Pascoli. Le condizioni in cui si trova l’immobile, sostiene il Comune che aveva revocato i permessi, non sono idonee ad ospitare un luogo di culto. La revoca però è stata impugnata dall’associazione islamica e il TAR del Veneto l’ha sospesa. Un pronunciamento che ovviamente qui è stato mal digerito. La giunta comunale è decisa a portare la battaglia legale fino in fondo. Ma al di là delle condizioni dello stabile sono anche e soprattutto altre le motivazioni di una presa di posizione così netta.

21.11.2014
CARD. PAROLIN: "RISOLVERE I CONFLITTI CON IL DIALOGO"
Per il cardinale Pietro Parolin, vicentino di Schiavon, tornare in Veneto è sempre un piacere. Il segretario di Stato Vaticano ha officiato le celebrazioni della "Virgo Fidelis" patrona dell’Arma dei Carabinieri alla Basilica del Santo di Padova. Parolin è cosciente di ritorvare un veneto che come il resto del paese patisce una crisi profonda che da economica si trasforma in sociale con tante situazioni di conflitto, emarginazione, sofferenza e disagio oltre che di tensioni e intolleranze etniche come religiose. Una “guerra tra poveri” la definisce qualcuno, che per Parolin va risolta col dialogo. Anche per l’importanza nella gestione di questi conflitti Parolin ha sottolineato il ruolo svolto dalle forze dell’ordine e in particolsre dai Carabinieri.

21.11.2014
TREBASELEGHE: RAPINA IN BANCA DA 70MILA EURO
70mila euro è il bottino di una rapina avvenuta nel primo pomeriggio di oggi alla filiare Unicredit di via Martiri della Libertà a Trebaseleghe. Tre italiani a volto scoperto hanno costretto il direttore e un impiegato, sotto la minaccia di taglierini, ad aprire le cassaforti di due bancomat e dopo aver atteso per un’ora e mezza la loro apertura, sono fuggiti a piedi con 70 mila euro in contanti. Indagano i carabinieri

21.11.2014
STUDENTI IMPIEGATI IRREGOLARMENTE: 4 DENUNCE
Sono oltre 2.700 gli studenti, alcuni minorenni, tutti appartenenti a scuole alberghiere, impiegati irregolarmente in alberghi e ristoranti, sfruttando l'alternanza scuola-lavoro, da due società fittiziamente residenti all'estero, capaci di evadere in questo modo un milione di euro. A scoprirlo un’operazione nazionale della Guardia di Finanza di Bassano che ha denunciato quattro persone per somministrazione fraudolenta di manodopera e altre due per frode fiscale. Gli indagati, titolari di società- con residenza fittizia a San Marino e in Svizzera, in realtà residenti nel bassanese facevano sottoscrivere agli studenti una "lettera di incarico", con la quale veniva definito l'impiego, per un periodo determinato, in strutture di ristorazione e alberghiere, al costo di 60 euro per studente a settimana lavorativa. l’importo venica poi riportato nelle fatture emesse dale due società evandendo le imposte dirette e l’iva. In questo modo, ristoratori e albergatori disponevano di una forza lavoro a basso costo, senza oneri contributivi, mentre le due società di intermediazione, ricavavano ingenti guadagni sottratti completamente al fisco.

20.11.2014
BASSANO VERSO… IL CENTRO COMMERCIALE ALL’APERTO
Palazzo Fasoli trasformato in un mega store monomarca. La giunta comunale di Bassano ha approvato la delibera che avvia l’inter per il cambio di destinazione d’uso da residenziale a commerciale dello storico edificio situato tra Via Roma e Via Marinali. Per anni si è parlato di trasformare il cuore storico della città in un grande centro commerciale all’aperto capace di rianimare le vie di Bassano. Il primo passo arriva con la giunta Poletto che dà il via a questo mega progetto a beneficio, sostiene il sindaco, anche degli altri esercizi commerciali del centro. C’è un altro aspetto poi legato alle nuove opportunità occupazionali. Insomma il centro storico di Bassano pare tutt’altro che morto.

20.11.2014
“SALVIAMO VIA IV ARMATA”
L’episodio più grave è accaduto i primi giorni di novembre: un anziano rapinato e malmenato nell’androne di un condominio, per poche centinaia di euro. E’ questo solo l’apice di una serie di episodi che da settimane preoccupano, e non poco, i residenti di via IV Armata a Bassano. Chi abita in questa zona di san Vito lamenta il degrado in cui versa da tempo: graffiti sui muri, vetri rotti, lattine e immondizie abbandonate ovunque. E poi quel parco che fino a qualche tempo fa era un’area giochi dei bimbi del quartiere, controllato ora da giovani poco raccomandabil. Impegno per Bassano ha presentato un’ interpellanza da discutere nel prossimo consiglio comunale. In ballo c’è la sicurezza dei cittadini. E in attesa che l’amministrazione faccia la sua parte, i cittadini pensano ad organizzarsi da soli: su facebook è nato il gruppo “Salviamo via Iv Armata” e qualcuno ha persino lanciato l’idea di trovarsi la sera a passeggiare insieme. Chissà magari eviterà ai maleintenzionati di agire

20.11.2014
BREVI DI CRONACA DAL BASSANESE
BASSANO LADRI ALL’ULSS, DIVELTA LA CASSAFORTE Ladri in azione, questa notte, nella sede dell’Ulss3 di via Monsignor Negrin a Bassano. Attorno alle 2.30-3 i malvimenti forzando la porta d’ingresso sono entrati nella palazzina che ospita il Centro Unico di Prenotazione e dopo aver forzato la cassaforte con una smerigliatrice si sono impossessati di poco più di mille euro. I ladri hanno poi forzato le porte di un altro paio di edifici vicini rubando la moneta contenuta nei distributori di bevande. Sul caso stanno indagando i carabinieri della stazione di Bassano. Al vaglio anche le immagini dela videosorveglianza dell’intera zona. DUEVILLE ACCOLTELLO’ IL PADRE: IL DELITTO PREMEDITATO Tentato omicidio aggravato dal rapporto di parentela e dalla premeditazione. Queste le accuse rivolte dal pm a Luca Cerasoli, il 21enne di Dueville che lo scorso martedì ha ferito gravemente il padre con due coltellate. Domani, in carcere, il giovane sarà ascoltato dal gip e non è escluso che il 21enne possa essere sottoposto anche ad una perizia psichiatrica. Intanto le condizioni del padre Marco restano critiche. Il cinquantenne, che nonostante le gravi ferite è riuscito ad allettare i carabinieri, è ora ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione dell´ospedale San Bortolo di Vicenza. BASSANO NUOVO ACCAMPAMENTO NOMADI IN VIA DELLE VIOLE Nuovi accampamenti nomadi sono stati segnalati in queste ore a Bassano. L’ultimo, in ordine di tempo, in via delle viole, nel piazzale antistante la ditta Europack, esattamente dove erano stati visti meno di un mese fa. Immediato è scattato il sopralluogo della polizia locale di Bassano che ha intimato ai nomadi di lasciare la città.

20.11.2014
OCCUPAZIONI: IL COMUNE DIFENDE LA PROPRIETA’ PRIVATA
Per giorni hanno occupato una casa a Marsango di Campo San Martino, lasciata momentaneamente vuota dalla proprietaria, in Corea per motivi di studio. Tre uomini e una donna, tutti di nazionalità romena sono stati denunciati per occupazione abusiva. Nemmeno il tempo di espletare le pratiche e il giudice li ha rilasciati perchè, a suo giudizio, hanno agito spinti, da una situazione di disagio. I quattro, pochi giorni dopo, hanno provato di nuovo ad entrare nell’abitazione, ma sono stati respinti con l’aiuto delle forze dell’ordine. Un episodio, questo, che non ha certo mancato di far discutere e che questa sera sarà al centro di un consiglio comunale straordinario a Campo San Martino. Al centro della discussione: la proprietà privata. “E’ uno dei fondamenti dello stato - ricordano gli amministratori dell’alta padovana - e come tale va protetta e garantita”. Con questo ordine del giorno, il comune di Campo San Martino intende, dunque, portare i fatti all’attenzione dei parlamentari veneti, del consiglio e della giunta regionale. Ma non solo: l’idea di sindaco e assessori è anche quella di far sottoscrivere il documento anche agli altri consigli comunali del Veneto

20.11.2014
CENTENARIO: “RIAPRIAMO LE GALLERIE DEL GRAPPA”
“Conoscere la tipologia dell’intervento deciso e i lavori di restauro oltre alle tempistiche previste per ultimare le opere”. E’ questo quanto chiede di sapere il Governatore Luca Zaia nella lettera inviata al Premier Renzi nella quale chiede di sapere come il Governo intenta muoversi in vista delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra. Nella sua missiva il presidente del Veneto cita anche esplicitamente i sacrari di Asiago e Cima Grappa, inseriti ufficialmente tra “Luoghi della Memoria”. In sostanza Zaia chiede di fare chiarezza una volta per tutte per indirizzare al meglio gli sforzi, di comuni e regione nella sistemazione dei monumenti. In merito al Sacrario di Cima Grappa gli interventi da attuare appaiono comunque ben chiari.

19.11.2014
ZAIA SCRIVE A RENZI: TEMPIO OSSARIO MONUMENTO NAZIONALE
Il Tempio Ossario di Bassano del Grappa tra i maggiori monumenti nazionali per il centenario della Grande Guerra. Con l’avvicinarsi delle celebrazioni del prossimo anno, un secolo dall’ingresso dell’Italia nel primo conflitto mondiale, si intensifica anche l’attività del comitato sorto su iniziativa di Rete Veneta per riaprire l’ossario e sanare quella che, ancora di più in circostanze come questa, rappresenta un’autentica ferita aperta nel cuore di Bassano. Un attività in concerto con le istituzioni e proprio oggi il presidente della Regione Luca Zaia ha inviato una lettera al presidente del Consiglio Matteo Renzi non solo perché il Governo specifichi dettagliatamente alla Regione e ai Comuni veneti gli interventi previsti dallo Stato per il centenario della Grande Guerra ma anche perché il Tempio Ossario di Bassano del Grappa venga inserito tra i maggiori monumenti nazionali e nell’elenco delle opere da valorizzare per il centenario. Un ‘auspicio condiviso da Elena Donazzan, presidente del comitato “Riapriamo il Tempio Ossario,che annovera esponenti del mondo economico politico e culturale cittadino. Un obbligo morale, secondo la Donazzan nei confronti degli oltre 5mila caduti che riposano all’ossario e ai tanti parenti dei caduti che arriveranno prossimamente a Bassano del Grappa. Il presidente della Regione Luca Zaia ha anche chiesto che il Governo faccia chiarezza sugli interventi da eseguire nei sacrari di Asiago e Cima Grappa.

19.11.2014
CRIMINALITA’, VERNILLO: LAMPIONI ACCESI E PIU’ SORVEGLIANZA
L’ondata di criminalità che sta attraversando il bassanese non si ferma, i furti o i tentativi di furto sul territorio sono diventate una costante che colpiscono a Bassano come nei paesi vicini. In via Matteotti l’attenzione e l’impegno dell’amministrazione si sta concretizzando in una serie di punti fermi che vedono impegnato in prima linea l’assessore alla sicurezza Angelo Vernillo: a partire dalla cancellazione di quello spegnimento dell’illuminazione pubblica da molti vissuto come un vero e proprio invito a nozze per i malviventi. In programma c’è anche un aumento dei servizi di sorveglianza lungo le strade. Se il Comune, di concerto con le forze dell’ordine, è pronto a mettere in campo tutte le risorse di cui ha la disponibilità, lo stesso impegno a garantire maggiore efficacia - secondo l’assessore alla sicurezza - deve essere garantita da tue le parti in causa.

19.11.2014
UNA MOZIONE DI CENSURA PER IL TRIBUNALE
La mozione in questione è quella presentata in queste ore dai consiglieri comunali di Impegno per Bassano, alla luce del recente voto in Parlamento che ha espresso unn nuovo parere contratro al ripristino del palazzo di Giustizia Cittadino. Una mozione con cui, chiedono al sindaco e all’intera amministrazione di censurare con toni decisi e forti l’operato del Governo e delle forze politiche che lo sostengono . I consiglieri di Impegno per Bassano chiedono all’amministrazione che la censura avvenga in modo pubblico sui media locali e nazionali, ma anche in maniera diretta con una raccomandata da inviare alla presidenza del Consiglio e al ministro Orlando. La questione ora, dunque, approderà in consiglio comunale e porrà la maggioranza di fronte ad un bivio: sconfessare le scelte del partito democratico in Parlamento ma continuare a sostenere la battaglia per il tribunale o chinarsi ai dettami della politica nazionale allontanandosi dalle esigenze della città. Insomma, la questione non mancherà di creare in ogni caso imbarazzo. Ma per Stefano Monegato quella del tribunale non è solo una questione politica