NOTIZIE BASSANO TG



 

27.08.2015
SANITA’: BILANCI POSITIVI PER ULSS 3 E ASL 15
171, 5 milioni di euro: questo il passivo della sanità veneta registrato alla fine del 2014. Un passinvo che aumenta di quasi 10 milioni rispetto alla fine dell’anno precedente ma che non annovera tra le sue cause i bilanci delle asl del nostro territorio. L’ulss 3 di Bassano, infatti, ha chiuso in positivo il suo rendiconto facendo registrare un avanzo di oltre mezzo milione di euro, somma inferiore però al 2013, quando l’attivo era stato di 7 milioni e 300 mila euro. Segno più anche per l’Asl 15 Alta Padovana: qui si registra un + 2,57 milioni di euro, cifra dimezzata rispetto al 5 milioni di euro del 2013 ma pur sempre positiva. Maglia nera della sanità veneta l’ulss 12 di Venezia che fa registrare un buco di oltre 68 milioni di euro, dovuto in buona parte alla realizzazione dell’ospedale in project financing. “Se nel complesso guardiamo il percorso fatto - è il commento dell’assessore alla sanità Luca Coletto - c’è stato un miglioramento in questi anni. Ora l’obiettivo futuro è quello di diventare sempre più attrattivi nei confronti delle altre regioni e non solo”.

27.08.2015
IL POLITICO? A OGNI VENETO LA CASTA COSTA 17 EURO
Cara politica quanto mi costi! Secondo una ricerca dell'istituto Demoskopika, ogni cittadino italiano spende mediamente 23,2 euro per i propri amministratori localI . Nel 2014, complessivamente agli italiani la politica dei territori è costata 1,4 miliardi di euro. In questa speciale classifica, dominata da Trentino Alto Adige dove comuni, province, regioni e comunità montane costano a ciascun cittadino oltre 143 euro, il Veneto risulta virtuoso. Per mantenere la macchina politica locale infatti ogni veneto spende appena, si fa per dire, 17,1 euro l’anno.

27.08.2015
15ENNE DELL’ALTA PADOVANA VIOLENTATA IN DISCOTECA
Violentata a soli 15 anni mentre era in discoteca con un’amica. Un’ultima serata di divertimento prima di iniziare la scuola si è trasformata in un incubo per una minorenne dell’alta padovana che è stata trascinata in un luogo appartato e stuprata da un 20enne anch’egli padovano che pochi minuti prima l’aveva avvicinata al bar del locale. La violenza si è consumata lo scorso fine settimana in una discoteca di Castelfranco Veneto. La ragazzina era arrivata verso le 21.30 con un’amica qui le due 15enni sono state avvicinate da due ragazzi più grandi, quattro chiacchiere che però sono diventate attenzioni sempre più pesanti. Alla fine mentre un complice teneva ferma l’amica della minorenne, il ragazzo trascinava la sua vittima in un luogo appartato e la violentava. Inutili tutti i tentativi della 15enne di opporsi all’aggressione brutale. Le mani forti del 20enne l’hanno bloccata e poi ha abusato di lei. A confermare la violenza ci sarebbe anche un referto medico. La 15enne sotto shock quando è tornata a casa ha raccontato in lacrime quanto accaduto alla mamma che prima l’ha portata in un ospedale dell’alta padovana e poi dai carabinieri. Le indagini sono affidate alla procura di Treviso visto che la discoteca è un locale molto noto della Castellana.

27.08.2015
PROFUGHI: 26 COMUNI CONTRARI ALL’ACCOGLIENZA DIFFUSA
Sono ben 26 i comuni afferenti all’Ulss 6 che il prossimo sabato sottoscriveranno una petizione destinata al prefetto di vicenza per manisfetare la propria contrarietà al protocollo d’intesa per l’accoglienza diffusa dei profughi. Un protocollo in base al quale ogni comune della provincia dovrebbe prendersi carico di 1 profugo ogni 1000 abitanti. L’incontro tra i sindaci anti-profughi è in programma sabato in municipio a Pozzoleone.

27.08.2015
PARK “LE PIAZZE” SCONTATO PER GLI UNIVERSITARI
Cari studenti bassanesi dite addio alla disperata caccia al parcheggio nella zona della stazione ferroviaria. Se dovete raggiungere l’università potrete usufruire a prezzo agevolato del park le piazze , e subito accettata dall’amministrazione. Un sconto importante se si considera che l’abbonamento ordinario costa 8 euro a settimana. Ma l’agevolazione, arrivata su proposta dalla consulta dei giovani, varrà solamente negli orari e nei giorni delle lezioni universitarie. Per garantire l’utilizzo corretto dell’abbonamento è previsto l’impiego di uno dispositivo speciale

27.08.2015
INCIDENTE IN PIEMONTE: MUORE SUORA DI S.GIORGIO IN BOSCO
Suor Angela Ceccato non ce l'ha fatta. La religiosa di San Giorgio in Bosco è deceduta a causa delle ferite riportate in un incidente stradale avvenuto a fine luglio ad Alessandria, mentre stava rientrando nella sua parrocchia in Piemonte dopo una vacanza in famiglia. Suor Angela, 82 anni, si trovava in macchina con altre due religiose quando in autostrada vicino ad Alessandria la loro auto si è schiantata contro un camion. Ad avere la peggio è stata suor Angela, deceduta dopo un mese passato in fin di vita nell'ospedale di Acqui Terme. I funerali si terranno probabilmente sabato a San Giorgio in Bosco.

27.08.2015
HOCKEY: 2 BASSANO SOTTO UN’UNICA BANDIERA
Siamo allo sport. Novità importante per gli appassionati di hockey pista. Dopo anni di ipotesi ed indiscrezioni l’Hockey Bassano 1954 e l’Hockey Roller uniranno le forze per dare vita all’Hockey Città di Bassano. Un’unica realtà hockeystica cittadina che accanto ad una prima squadra di vertice si propone di fare crescere i giovani, dalle giovanili all’A1. L’unione tra le due società sarà ufficializzata il prossimo 29 settembre in comune alla presenza degli amministratori cittadini.

27.08.2015
LA STORIA DEL PONTE IN 50 PAGINE
Ponti sul ponte. Si chiama come l’esposizione che racchiude le 10 miniature realizzate da Bortolo Zilio, il volume in 50 pagine che descrive con precisione storica tutte le fasi di costruzione del Ponte, fin dall’epoca precedente a quella palladiana. 5 euro l'offerta minima per acquistare l'opera, realizzata grazie al contributo dei notai di Bassano, Marostica, Rossano e Breganze e il cui ricavato andrà devoluto per il restauro del ponte. Un vulcano di idee Bortolo Zilio, che dopo i modellini, la mostra e il libro ha già in mente il prossimo obiettivo. E intanto Zilio è già pronto a realizzare la sua decima opera. Quella del prossimo restauto del ponte

26.08.2015
LA SOPRINTENDENZA APPROVA IL PROGETTO DEFINITIVO
Lavori di sistemazione e restauro del ponte vecchio di Bassano, emblema della città, emblema di tutto il Veneto. Un nuovo importante passo, verso l’apertura del cantiere. L’approvazione da parte della soprintendenza era un passaggio fondamentale, un passaggio obbligato ha sottolineato Campagnolo così come obbligata la bonifica bellica, per evitare sorprese e ritardi durante i lavori.. (VB)

26.08.2015
APERTO IL CANTIERE ALLA CHIESA DI SAN BONAVENTURA
Al via i lavori alla chiesa di San Bonaventura, con l’apertura del cantiere all’edificio adiacente l’ex ospedale di Bassano, che da struttura religiosa, diventerà uno spazio dedicato alla cultura ed all’incontro. Come si vede dalla immagini l’area è stata transennata per la messa in sicurezza e l’avvio delle opere. Ricordiamo che tutto era cominciato lo scorso febbraio, dopo che si era staccato un pezzo del cornicione abbattendosi al suolo. Allora, fu un miracolo se nessuno venne ferito. Ma fu da allora che si è mossa la macchina comunale che ha avviato le procedure per la sistemazione ed il cambio destinazione dell’area. Un intervento da 554 mila euro, di cui 60 mila finanziati dalla Regione e 100 mila dalla Fondazione Cariverona, che vedrà il rifacimento di tutta la parte strutturale, il consolidamento pavimentazioni e serramenti, di rinforzo strutturale che interesserà sia la chiesa che il campanile, la realizzazione di camerini, servizi igienici e di una sala polivalente da 150 posti. L’intenzione è di completare i lavori entro l’estate 2016, per quello che può essere definito antipasto di quello che a Bassano manca. Un vero teatro. E l’amministrazione ci sta pensando dandosi come termine ultimo la fine dell’anno. (VB)

26.08.2015
CITTADELLESI AD AMALFI, “TORNATE AL NORD NON VI VOGLIAMO”
Volevano solo parcheggiare l’auto, ma per la gente del Nord al parcheggio di Amalfi posto non ce n’è. Qui al sud non vi vogliamo, tornate a casa vostra si sono sentiti dire due consiglieri comunali di Cittadella e Galliera Veneta Luigi Sabatino e Paolo Bianco in vacanza nella splendida costiera campana. Il vigile non contento ha rincarato la dose, mentre i due cittadellesi a un certo punto hanno pensato di essere finiti su scherzi a parte tanto la situazione aveva dell’incredibile. E dunque niente visita ad Amalfi per i due amministratori dell’alta padovana discriminati per le loro origini settentrionali. E così è partita anche la segnalazione al comune di Amalfi. Ma come sono cambiate le cose nel 2015.

26.08.2015
IL PONTE DIMENTICATO
Per anni passaggio strategico per pedoni e ciclisti da mesi il ponte pedonale di via Piave che unisce via Quarta Armata e via Gramsci è inagibile. Chiuso per non meglio precisati problemi strutturali, il ponte che sovrasta la ferrovia rappresentava un’ importante scorciatoria non solo per i residenti della zona Senza contare che la chiusura del passaggio pedonale ha reso la zona pià degradata e meno sicura Ecco, dunque, cosa chiede all’amministrazione Mariano Scotton

26.08.2015
MAROSTICA: CON IL MOTORINO CONTRO UN CAMION 18ENNE MIRACOLATO
Vedendo le immagini si pensa subito al peggio. In realtà è uscito praticante indenne il 18enne di Breganze coinvolto stamattina, attorno alle 10, in un incidente stradale avvenuto lungo la nuova Gasparona, all’altezza della rotatoria di Marostica. Per cause ancora al vaglio della polizia stradale il giovane, in sella ad un motorino, si è scontrato contro un camion che trasportava ghiaia. Dall’impatto il motorino è andato completamente distrutto. Il 18enne è stato sbalzato a terra. Trasportato al san bassiano per accertamenti è stato dimesso dopo poco.

26.08.2015
ROSA’: PROSEGUONO LE RICERCHE DELL’ESCURSIONISTA SCOMPARSO
Proseguono a tutt’oggi le ricerche di Luciano Bizzotto, il 55enne di Rosà disperso in montagna, giovedì 6 agosto, mentre percorreva il sentiero in Val di Gares, nella zona di Comelle, nell’Agordino. L’intera zona che avrebbe dovuto essere percorsa dal rosatese, esperto escursionista, è stata battuta nel doppio senso di marcia. Le ricerche erano state estese anche alla zona a nord e sud del sentiero ed aveva dato come esito il ritrovamento di due oggetti, risultati poi non appartenere a Bizzotto. Fra quanti lo cercano oggi si fa strada l’idea che sia finito in un crepaccio o che si sia perso nel bosco alla ricerca di una scorciatoia per fare rientro prima del previsto rispetto alla tabella oraria al rifugio dove lo attendeva la moglie.

26.08.2015
CASTELFRANCO VENETO: DENUNCIATO PER ATTI OSCENI 39ENNE CASTELLANO
Aveva il vizietto di entrare al bar ed esibire i genitali davanti alla titolare del locale. Che ovviamente non ha per nulla apprezzato e gradito la cosa, tanto da rivolgersi ai carabinieri di Castelfranco Veneto. Nei guai, con una denuncia per atti osceni, un 39enne residente nella castellana. L’uomo è stato incastrato dalle telecamere di video sorveglianza interne al pubblico esercizio che l’hanno ripreso durante le sue performance, permettendo ai carabinieri di identificarlo.

26.08.2015
BARISON: “ABBIAMO LE CARTE IN REGOLA PER VINCERE”
Siamo allo sport, ancora il calcio in primo piano. Sembra ormai cosa fatta la partenza di Nolè che dovrebbe accasarsi alla Reggiana, mentre il Bassano sembra interessato ad Alessandro Campo. Intanto, in casa giallorossa continua la presentazione dei nuovi arrivi. Oggi abbiamo incontrato Alberto Barison, classe 1994, difensore centrale prelevato dall’Ascoli dell’ex Petrone

25.08.2015
SOSPESO NEL VUOTO PER 2 ORE, 20ENNE SALVATO AL S. BASSIANO
Aveva pianificato tutto nei minimi dettagli un ventenne del bassanese che questa mattina ha cercato di farla finita gettandosi dall’11° piano dell’ospedale San Bassiano. Il giovane è attivato in via dei Lotti con la sua auto. Ha parcheggiato ed è entrato come se nulla fosse. Si è nascosto per ore studiando con attenzione la planimetria del nosocomio. Poi ha eluso la sorveglianza, è arrivato all’ultimo piano, ha tagliato la rete di recizione e si è seduto sul parapetto del terrazzo dando la schiena al vuoto. Così è stato notato da un medico attorno alle 8 e immediato è scattato l’allarme E’ allora che approfittando di un momento di indecisione del giovane i due medici e il caposquadra dei vigili del fuoco Pettenon sono riusciti ad afferrarlo e a portarlo in salvo dopo due ore di dialoghi, mentre a terra altri vigili del fuoco si preparavano ad un’eventuale emergenza Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della compagnia di Bassano. Il giovane, che non aveva mai dato segnali di disturbo è stato ricoverato nel reparto di psichiatria. Al momento nessuna ufficialità sulle ragioni del gesto anche se non si esclude che, all’origine, possano esserci motivi passionali.

25.08.2015
AZIENDE DEL BASSANESE, LA RIPRESA TRA LUCI ED OMBRE
L’estate ormai è finita, le aziende sono pronte a riprendere l’attività, anche se i presupposti, causa crisi, sono tutt’altro che rosei anche in un territorio come il bassanese. Ma secondo il sindaco Poletto, è necessario vedere il bicchiere mezzo pieno. (VB)

25.08.2015
39ENNE CON L'AUTO CONTRO IL CAMOPANILE DI CASONI
E ancora cronaca con un incidente avvenuto la scorsa notte a Casoni di Mussolente. Poco piorma della mezzanotte un 39enne di San Zenone, percorrendo via Monsigor Cuccarollo, diretto verso il centro della frazione misquilese, ha perso il controllo della sua auto, un’audi A4. E’ finito contro il campanile della chiesa. Condotto al san bassiano è ancora ricoverato per accertamenti.

25.08.2015
ANZIANO SI FERISCE CON LA PISTOLA FATTA IN CASA
E’ finito nei guai un 74enne di Campodarsego, rimasto ferito da una pistola artigianale costruita dall’anziano stesso. L’uomo si era realizzato l’arma, grande poco più di una penna, assemblando un tubo idraulico e qualche raccordo, in maniera da creare lo spazio per caricare ed esplodere i colpi, di solito puntine di metallo che introduceva. Dopo di che aveva realizzato nel granaio di casa una sorta di poligono di tiro, dove esprimeva la sua passione per lo sparo. Passione che in passato sfogava con la caccia.. Ieri mattina, l’uomo, privo di porto d’armi, denunciato per porto abusivo di pistola e munizioni, stava pulendo la sua pistola, quando gli è caduta dalle mani, per cause in corso d‘accertamento da parte dei carabinieri di Camposampieo e, urtando il pavimento ha fato partire i colpi. Le puntine gli si son conficcate in un braccio. L’anziano è stato condotto all’ospedale di Camposampiero, dove è stato curato. Scattate le perquisizioni domiciliari, i militari hanno rinvenuto nell’abitazione del 74enne diverse cariche calibro 6, sequestrate assieme alla pistola casereccia. (VB)