L'OVOVIA DA RIMUOVERE NON E' UN PROGETTO DI CALATRAVA

  • martedì 16 aprile 2019

L'ovovia del Ponte della Costituzione non è opera dell'architetto Santiago Calatrava che ha firmato il quarto ponte sul Canal Grande. L’archistar spagnolo non ha progettato l’Ovovia, anzi all'epoca si era opposto alla sua realizzazione e di conseguenza non è stato in nessun modo coinvolto nel procedimento contabile appena archiviato dalla Corte dei Conti. A fare chiarezza sulla vicenda all'indomani della pubblicazione del decreto di archiviazione del procedimento per presunto danno erariale relativo all’installazione della cosiddetta “Ovovia” per portatori di handicap sul Ponte della Costituzione sono gli avvocati Pierluigi Piselli e Ugo Altomare. «Calatrava - sottolineano i suoi legali - non solo non ha progettato l'ovovia, ma si è a suo tempo opposto alla sua realizzazione. Inoltre, e di conseguenza, non è stato in nessun modo coinvolto nel procedimento contabile appena archiviato dalla Corte dei Conti» Inaugurata diversi anni dopo la realizzazione del ponte che congiunge Piazzale Roma con la stazione Ferroviaria, l'ovovia aveva registrato però alcune difficoltà tecniche al suo funzionamento. Il costo di realizzazione dell'opera, che potra essere rimossa, aveva portato all'indagine della magistratura contabile. Una vicenda per la quale Santiago Calatrava è completamente estraneo.