ZTL A FASCE ORARIE, L'IMPORTANTE E' PROVARE

  • venerdì 15 marzo 2019

La nuova vita di Corso Fogazzaro. Oggi la via del centro storico ha i parcheggi blu per la sosta di mezz'ora, c'è la pista ciclabile, e c'è il cartello luminoso che dà il via libera dalle 9 del mattino fino alle otto di sera. Dal 18 marzo inizia la sperimentazione della ztl a fasce orarie. Una proposta che noi di Rete Veneta abbiamo sostenuto perchè arrivava dalla maggiorparte dei commercianti. Ventiquattro a sette: vale a dire il 77,4% dei commercianti si è espresso a favore: ed è per questo motivo che abbiamo inserito la ztl a fasce orarie nel contratto che i candidati sindaco hanno sottoscritto con Rete Veneta. Francesco Rucco adesso mantiene la parola. Oggi una minoranza di commercianti e residenti di Corso Fogazzaro contesta l'apertura alle macchine. Ma su 84 numeri civici in questi 160 metri di strada si contano solo 8 striscioni no-auto: meno del 10% dei portoni. Dunque è giusto andare avanti. Provarci. Vedere. Ricordiamo a tutti che si tratta solo di una sperimentazione, e che noi di Rete Veneta non siamo nè pro nè contro ztl a fasce orarie: siamo solo a favore della rivitalizzazione del centro storico e qualunque iniziativa andrà in questa direzione, ci vedrà in prima linea: quello che conta è soltanto il bene di Vicenza, dei suoi cittadini, dei suoi negozianti. Bisogna avere il coraggio di osare, di provare, di tentare. Perchè c'è soltanto una cosa peggiore dello sbagliare. Ed è lo sterile immobilismo.