MENO FISCO E MENO BUROCRAZIA: RICHIESTA AL GOVERNO PER DIVENTARE ZES

  • venerdì 15 marzo 2019

Un'ampia alleanza che oltre a Venezia vede in prima linea 19 Comuni rodigini e veneziani, le associazioni delle categorie economiche capitanate da Confindustria e l'Autorità portuale dell'Alto Adriatico. Tutti uniti per chiedere il riconoscimento a Zona Economica Speciale di un'area di 385 ettari a destinazione produttiva tra Venezia e Rovigo. Note anche con l'acronicmo ZES le zone economiche speciali godono benefici fiscali e semplificazioni amministrative capaci secondo Confinudstria di creare nel caso specifico 2,5 miliardi di euro di investimenti in nuovi imprese, e più di 26.000 posti di lavoro considerando anche l'indotto. In Polonia l'istituzione di 14 ZES ha portato ad un aumento del 27% del PIL in sette anni. La lettera sottoscritta a Ca Farsetti anche dai prefetti di Venezia e Rovigo sarà inviata al Governo per richiedere l'avvio del procedimento. Per l'economia di Venezia un'opportunità di superare quella che è stata definita la monocultura turistica.