CONIUGI MORTI IN CROAZIA: CONDANNATO L'IMPRENDITORE CROATO

  • giovedì 14 marzo 2019

16 agosto 2011. Francesco Salpietro, medico padovano, e la moglie Marinelda Patella sono a bordo della loro barca a vela nelle acque della Croazia in vacanza. Tutto accade in un attimo. A travolgerli arriva un potente motoscafo, 900 cavalli, guidato dall'imprenditore croato Tomislav Horvatincic. Per i coniugi non c'è niente da fare. Muoiono nello schianto violentissimo. Inizia un lungo processo. Nel primo grado di giudizio l'imprenditore viene condannato, tra le polemiche, a venti mesi, nel 2017 viene dichiarato inammissibile l'appello. A quel punto interviene la giustizia croata che decide di riaprire il processo. Mercoledì la sentenza: condanna in primo grado a 4 anni e dieci mesi di carcere, e per Horvatincic il divieto di mettersi alla guida di veicoli a motore per cinque anni. Caduta la principale difesa dell'imputato che ha sempre sostenuto di avere avuto in quel momento una temporanea perdita di coscienza. Grande la commozione suscitata in Veneto dalla notizia. Un primo passo per la famiglia Salpietro consapevole che ancora non è finita. E' probabile infatti il processo di appello.