POLEMICA PRANDINA-VIA ANELLI, MICALIZZI RISPONDE ALLA MINORANZA

  • mercoledì 13 marzo 2019

L'amministrazione non ci sta, e dopo le accuse della minoranza che ha sollevato dubbi sullo scambio con lo Stato tra le aree Prandina e via Anelli, immediata è la risposta di Palazzo Moroni. Secondo l'opposizione le due aree non hanno lo stesso valore, e quindi il Comune dovrà prepararsi a sborsare una bella somma allo Stato per pagare la differenza. Le stime dell'Agenzia del Demanio in realtà dicono che la differenza è minima. L'area dell'ex caserma Prandina vale 10 milioni e 600mila euro, via Anelli 9 milioni e mezzo, cui bisogna aggiungere un milione, già stanziato, per l'abbattimento delle palazzine e la bonifica. Due cifre che così si equivalgono, anche perchè in via Anelli sarà consentito anche un aumento di cubatura, e quindi di spazio edificabile. Le stime, infatti, non devono essere più vecchie di sei mesi. Quanto ai tempi, da parte della Giunta nessuna preoccupazione, saranno rispettati. Prossimo traguardo dell'Amministrazione completare l'acquisto di tutti gli appartamenti e poi partire con demolizione e bonifiche, cercando di dribblare le polemiche, che non finiranno qui.