ASCOM:« BASTA CEMENTO, C'E' DA RIQUALIFICARE LE AREE DEGRADATE»

  • mercoledì 13 marzo 2019

Una “bomba” commerciale dal facile innesco. Vengono definite così dall'Ascom di Bassano le tante aree cosiddette “degradate da riqualificare” sparse nel mandamento, solo in città sono ben 5, tra cui la nota AreaPengo, l’ex Elba e l’ex Enel. Aree da riqualificare, secondo il presidente Paolo Lunardi, attraverso interventi di diversa natura, più sociali, più verdi e meno, molto meno commerciali. Un discorso che arriva a ridosso della Conferenza dei Servizi decisoria, convocata in Regione Veneto il prosismo 20 marzo, relativa all’autorizzazione per l’insediamento di una nuova Grande Struttura di Vendita a Cassola, lungo la SS47-Via Capitelvecchio. Il terzo centro commerciale in neanche un paio di chilometri. E sono proprio i commercianti che si ribellano e gridano basta. Basta intasamento d'auto, basta cemento, basta rotatorie improvvisate. Si rivolgono agli amministratori. Mettendo in evidenza la desertificazione dei centri storici, Bassano in primis, portando allo stremo il nostro territorio. Una denuncia che non è nuova da parte dell'ascom. Che lancia un duro messaggio: a nulla sono serviti o possono servire, dichiarano, interventi “placebo” per abbellire qualche via o finanziare la nascita di qualche sporadica attività.