TUBERCOLOSI, ALTRE 80 PERSONE SOTTOPOSTE AL TEST MANTOUX

  • martedì 12 marzo 2019

Il direttore generale Benazzi invita ad evitare allarmismi dopo i due casi di tubercolosi registrati in una scuola primaria dell'opitergino mottense. Nell'istituto proseguono gli accertamenti volti ad escludere eventuali ulteriori possibili casi di malattia. Altri 24 bambini venuti in stretto contatto con la maestra a cui è stata diagnosticata la tbc sono stati sottoposti al test Mantoux insieme ad una sessantina di dipendenti della scuola. Sono invece risultati tutti negativi i famigliari della stessa insegnante. Intanto il bambino, il primo a cui è stata diagnosticata la malattia , è stato dimesso ieri e sta proseguendo la terapia a casa. La maestra risultata inziialmente positiva al test Mantoux e alla quale è stata riscontrata la tubercolosi con i successivi accertamenti si trova ricoverata nell’unità operativa di malattia infettive del cà foncello. Verrà avviato anche per lei il percorso terapeutico: il quadro clinico resta importante. Nel frattempo continuano gli approfondimenti radiologici sui compagni di classe del bambino colpito da tubercolosi: 20 alunni su 21 infatti sono risultati positivi.