MORTE GRETA: CHI GUIDAVA ERA UBRIACO

  • martedì 12 marzo 2019

Correva forte e guidava ubriaco con un tasso alcolemico alle stelle 2,34g/l il conducente dell'auto su cui viaggiava Greta Luison, la 18enne morta sabato notte in un incidente stradale a San Pietro in Gu. E' il risultato degli esami effettuati all'ospedale di Vicenza sul 23enne operaio alla guida, nessuna droga assunta, ma i livelli di alcol nel sangue erano altissimi. Lui insieme ad altri 3 passeggeri è rimasto ferito, mentre Greta seduta sul sedile passeggero anteriore ha perso la vita erano in macchina diretti in un locale per chiudere la serata. Lo schianto verso le 2.30, il conducente ha perso il controllo dell'auto che correva ben sopra i 50 km orari previsti lungo quel tratto di strada e si è schiantato contro un albero. Per Greta seduta a fianco non c'è stato nulla da fare. Il fratello della ragazza ha annunciato che per mercoledì sera è stata organizzata una fiaccolata per ricordare la 18enne. La partenza sarà dalla chiesa di San Pietro in Gu, l'orario è in via di definizione e vi parteciperanno gli amici, gli animatori della parrocchia e i compagni di scuola.