IL PARROCO: «CARO LADRO, IO MI DIFENDO»

  • martedì 12 marzo 2019

"Non sono in linea con il porgi l'altra guancia o ama il tuo nemico, ma credo invece che la pazienza abbia un limite" scrive così nel bollettino settimanale ai suoi fedeli Don Marino, parroco della chiesa di San Lorenzo ad Albignasego. Il tema è quello della legittima difesa, il sacerdote commenta quanto accaduto ad un prete di Perugia che dopo l'ennesimo furto ha annunciato di voler imbracciare la carabina qualora i ladri si ripresentassero in canonica."Insomma caro ladro se entri in casa mia, io mi difendo" scrive nel suo editoriale che firma "il Marin che Rugge", il parroco si dice favorevole alla nuova legge sulla legittima difesa.In parrocchia e fuori dalla canonica telecamere di sorveglianza e allarme, in zona circolano degli spacciatori, Don Marino però non ha armi ci confessa.Don Marino sa che con le sue parole rischia di sollevare un polverone, ma lui non è nuovo la scorsa estate si era schierato contro il settimanale cattolico Famiglia Cristiana che aveva pubblicato in copertina il ministro dell'Interno con il titolo "Vade retro Salvini". Troppo buonismo – dice il parroco- non aiuta.