COMMISIONE PFAS. I 5 STELLE «TANTE LE COMPETENZE, POCO IL TEMPO»

  • giovedì 31 agosto 2017

Rinnovano la piena disponibilita a collaborare,gli amministratori della Miteni con la neonata commissione sui Pfas istituita dalla regione Veneto. Alla commissione Saranno messi a disposizione anche i risultati dell'indagine che i consorzi di depurazione stanno realizzando sulla rete di drenaggio degli scarichi nella cosidetta zona rossa. Un dato secondo la Miteni che fornirebbe una mappa diversa sulle attribuzioni di resposabilità sull'inquinamento dei Pfas nelle falde. La Miteni resta comunque una delle fonti che si appresta a sentire il consigliere regionale Manuel Brusco, il presidente eletto a presiedere la commissione regionale. Una poltrona che se da un lato premia l'impegno in questi anni del movimento 5 stelle nella denuncia , dall'altra sembra diventare una poltrona scomoda per la mole di competenze concentrate. Due i mesi a disposizione per fare il quadro generale aggiornato della situazione. Le priorità sono tante a partire dalla richiesta di far luce sulle documentazioni ancora mancanti sulle vari composti “ramificati” all'esito aggiornato della campionatura degli alimenti e delle produzioni agricole. Dall'approntamento dei nuovi allacciamenti idrici alla campagna sanitaria ritenuta più idonea nel trattamento del sangue dei soggetti più a rischio. Un impegno gravoso perchè accumulato nel tempo, ma che non era più possibile rimandare oltre.